Gio 11 Ago 2022
spot_img
HomeCronacaSorpresi, in pieno giorno, mentre asportavano...

Sorpresi, in pieno giorno, mentre asportavano alcuni tubi pluviali in rame da “Villa Rendano”

I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Cosenza, in
collaborazione con il Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia
Carabinieri, il giorno 22 agosto 2019 hanno tratto in arresto, in flagranza di
reato, due persone per furto aggravato in concorso.

I malviventi sono stati sorpresi, in pieno giorno, mentre asportavano dalla
facciata principale dell’antica e prestigiosa “Villa Rendano” di Cosenza (bene
culturale di fine ‘800, sottoposto a vincolo monumentale per il suo interesse
storico – artistico), alcuni tubi pluviali in rame per la raccolta della acque
piovane.

I militari del Nucleo TPC di Cosenza, nel primo pomeriggio, transitando in
prossimità della “Villa Rendano”, di proprietà della “Fondazione Attilio ed Elena
Giuliani Onlus” e sede del “Museo Cosentia Itinera. Percorsi multimediali nella città
di Cosenza”, chiuso al pubblico nel periodo estivo, notavano un’autovettura
aggirarsi in modo sospetto nei pressi del cancello d’ingresso alla Villa. Insospettiti
da tale condotta, i militari operanti procedevano ad un immediato controllo del
veicolo e della struttura museale, sorprendendo M. R. classe 1968 intento a
trasportare all’esterno del giardino una parte di pluviale appena divelta dalla
facciata della “Villa Rendano” e P. F. A. classe 1980 che lo attendeva a bordo
dell’auto per il caricamento della refurtiva.


I due malviventi, entrambi pluripregiudicati, venivano tratti in arresto nella
flagranza del reato di furto aggravato e, su disposizione della Procura della
Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, tradotti presso le rispettive abitazioni
in regime di arresti domiciliari. La refurtiva è stata contestualmente recuperata e
restituita alla “Fondazione Attilio ed Elena Giuliani Onlus”.
Il 23 agosto 2019, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto e di giudizio
direttissimo, i due arrestati sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo
di dimora nel Comune di Cosenza, con divieto di allontanarsi dalla proprie
abitazioni dalle ore 22:00 alle 07:00.