Cosenza calcio: una sconfitta amara. Tabellino completo e cronaca del match

78

Cosenza: Perina; Corsi; Monaco; Lazaar; Capela; Pierini; Carretta; Sciaudone; Bruccini; Kanouté; Baez.

A disposizione: Saracco, Idda; Broh; D’orazio; Schiavi; Machach; Leggittimo; Trovato; Kone; Bittante ;Riviere.

All. Piero Braglia.

Pescara: Fiorillo; Campagnaro; Scognamiglio; Memushaj; Galano; Palmiero; Vitturini; Di Grazia; Machin; Tumminiello; Masciangelo.

A disposizione: Kastrati; Del Grosso; Cisco; Brunori; Ciofani; Drudi; Maniero; Zappa; Busellato; Kastanos; Ingelsson; bocic.

All: Luciano Zauri

Arbitro: Iluzzi di

Assistenti: Marchi; Palermo

IV uomo: Natilla

Marcatori: Tumminieollo; Sciaudone; Galano

Ammoniti: 47’ pt Masciangelo (PES); 3’ st Palmiero (PES); 6’ st Kone (COS);

Espulsi: \\\\

Sostituzioni: 40’ pt Maniero per Tumminiello (P); 44’ Drudi per Campagnaro (P); 1’st Leggittimo per Lazaar( C); 1’st kone per Carretta (C); Kastanos per Palmiero (P); Rivieré per Baez (C).

Recupero: 4’pt; 6st

Cronaca

Dopo l’annuncio di Rivieré, il pubblico di Cosenza torna a sorridere e risponde positivamente al “richiamo” fatto dal ds della società rossoblu Trinchera durante la sua conferenza stampa, dove aveva chiesto supporto per i giocatori da parte dei tifosi.

L’atmosfera sugli spalti è calda (come sempre) e in campo il Cosenza parte con il piede giusto, imponendo il proprio gioco, trovandosi di fronte una squadra schierata bene e brava a difendersi durante gli attacchi dei padroni di casa.

I Lupi continuano a macinare gioco, ma è il Pescara che trova il gol andando in vantaggio su calcio di rigore, trasformato da Tumminiello al 30’ del primo tempo regolamentare. Il Cosenza sbanda per qualche minuto, ma riesce a ritrovare la concentrazione necessaria per riprendere in mano il match poco prima che l’arbitro mandi le squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-1.

Al rientro dall’intervallo si ripresenta lo stesso scenario, il Cosenza attacca e crea buone occasioni (non riuscendo a concretizzare) e il Pescara mantiene lo stesso atteggiamento attendeista del primo tempo. Al 70’ Kone riesce a trovare Sciaudone in buona posizione che lascia partire un potente sinistro riuscendo a riportare il risultato in parità (1-1). La formazione silana ci crede e ci prova, ma ancora una volta il Pescara, sfruttando una disattenzione difensiva del Cosenza, torna in vantaggio al 43’ del secondo tempo con Galano. I ritmi si abbassano durante i minuti finali di gioco, e l’ultima occasione è per il cosenza che ottiene una punizione vicino la bandierina, non riuscendo a finalizzare.

Sciaudone nel dopo gara

La partita finisce dunque sul risultato di 1-2 e il Cosenza rimane fermo ad 1 punto in classifica, andando ad occupare le ultime posizioni in classifica. Non male il gioco dei rossoblu che ancora non hanno trovato il giusto feeling, ma riescono comunque a costruire azioni pericolose che, sfruttate al meglio, potrebbero rivelarsi l’arma vincente di mister Braglia.

Una menzione speciale per Kanouté, che si sta rivelando un giocatore di alto livello tattico e di visione di gioco.

Una sconfitta amara per i calabresi che vengono superati dal Pescara negli ultimi minuti di gara; buona la prestazione dei giocatori di mister Braglia, che devono attendere ancora per la prima vittoria stagionale. I ragazzi però sembrano essere in buone condizioni e sono pronti per provare l’impresa nella trasferta di Benevento.

Pubblicità