ZTL: il Ministero dei Trasporti boccia il “varco attivo – varco non attivo”

52

A cura dell’Avv. Luigi Salvatore Falco

Il Ministero dei trasporti ha emanato le nuove linee guida sull’istituzione, da parte dei Comuni, delle Zone Traffico Limitato al fine di evitare equivoci di natura linguistica sui varchi “attivi e non”.

Gli automobilisti italiani, specie quelli cosentini, non hanno ben recepito la dicitura riportata sui cartelli stradali elettronici “varco attivo – varco non attivo”.

Infatti, è spesso capitato (anche al sottoscritto!) di non comprendere se fosse possibile passare dal quel varco (che tradotto in ​ “italiano” significa passaggio!) ​ oppure no.

Un dubbio che ha dato vita a miriadi di ricorsi, spesso accolti da parte dei Giudici di Pace, in ragione della palese contraddittorietà lessicale dei cartelli istitutivi delle ZTL.

Al fine di evitare dubbi interpretativi e sanzioni ingiuste, il Ministero dei trasporti​ ha disposto che sia indicata sui LED la semplice scritta ​ “ZTL attiva” piuttosto che “ZTL non attiva”.

Una misura di certo non epocale ma di certo utile agli automobilisti al fine di evitare ingiuste sanzioni amministrative.

Pubblicità