Stop raccolta dei rifiuti e licenziamenti in arrivo, l’ultimatum da Calabra Maceri

6451

Altri problemi in vista in Calabria. Come se non bastassero quelli che attanagliano il comparto sanitario, si ripresentano quelli relativi allo smaltimento dei rifiuti.

E’ vera emergenza rifiuti, la situazione è sempre più drammatica e del gioco allo scarica barile chi ne paga le conseguenze è inevitabilmente il cittadino.

Pochi minuti fa il comunicato di Calabra Maceri e Servizi S.p.A., una delle aziende che opera nel settore della gestione integrata dei rifiuti nel meridione d’Italia ed in Calabria, ci lascia con l’amaro in bocca, mettendo tutto nero su bianco. L’azienda non riesce più ad accettare presso il suo impianto i rifiuti provenienti dai vari centri ed inoltre dovrà avviare procedure di licenziamento.

Paradossale!

Di seguito il comunicato della Calabra Maceri indirizzato Al Sig. Presidente dell’ATO 1 Cosenza; Al Responsabile dell’Ufficio Comune ATO 1 Cosenza; S. E. Il Prefetto di Cosenza; Presidente Unindustria Calabria; ed ai sindaci e ai Responsabili dei Servizi di Igiene Ambientale dei Comuni di:

Rende; Castrovillari; Montalto Uffugo; Castrolibero; Belvedere Marittimo; Casali del Manco; San Lucido; Rose; Celico; Zumpano; Marano Marchesato; San Fili; San Vincenzo la Costa; Pietrafitta; Carolei; Dipignano; Guardia Piemontese; San Nicola Arcella; San Benedetto Ullano; San Martino di Finita; Cerisano

Oggetto: Trattamento di Rur residuali e della Forsu. Comunicazione urgente.

Per quanto in oggetto, ribadendo il contenuto di precedenti note sulla stessa problematica, Vi comunichiamo che, non avendo ricevuto dagli uffici regionali e dagli uffici ATO alcuna soluzione alle problematiche operative ed economiche che riguardano il trattamento dei rifiuti residuali (RUR) e della frazione organica (FORSU) presso il ns. impianto di Rende, problematiche ulteriormente acuitesi negli ultimi giorni, a partire dal prossimo venerdì 06 dicembre non potremo più procedere alla raccolta delle due categorie di rifiuti di cui sopra in guanto sia la Rur che la Forsu non possono essere conferiti in impianti autorizzati per i problemi a Voi tutti noti.

In particolare:
non vi è al momento sbocco per lo smaltimento degli scarti di lavorazione che restano giacenti nei ns. impianti e li intasano ogni oltre ipotesi di stoccaggio;
non si hanno notizie del reintegro della delega dei pagamenti da parte della regione Calabria fino al prossimo 31 dicembre, sembra per insufficienti versamenti a favore di quest’ultima sulle previsioni sottoscritte;
Alla luce di quanto sopra, non potendo garantire l’accettazione dei rifiuti che la nostra “Divisione Servizi Ambientali” raccoglie sui Vs. territori, Vi preghiamo, ove ne aveste, di darci indicazioni circa la possibilità di conferire in altri impianti i RUR e la FORSU che raccogliamo sui Vs. territori, comunicandoVi fin d’ora che, in mancanza, le stesse attività di raccolta di tali frazioni saranno sospese dal prossimo 06 dicembre senza che ciò possa essere addebitato alla ns. azienda ed in conseguenza il personale in forza sullo specifico appalto sarà sottoposto alle procedure di mobilità secondo le procedure previste per legge.
Nella speranza che tutto possa risolversi nel migliore dei modi, porgiamo Distinti Saluti.