Cosenza, emergenze in città: per il Sindaco Occhiuto “è in atto una campagna di strumentalizzazione”

sindaco cosenza occhiuto
“Le emergenze che stanno affiorando in questo periodo – sottolinea il Sindaco Mario Occhiuto – non dipendono dall'Amministrazione comunale"
Pubblicità

“E’ in atto una campagna di strumentalizzazione, finalizzata a creare allarmismi e ad indebolire l’azione dell’Amministrazione comunale che, invece, ha sempre fronteggiato a testa alta le emergenze sapendo come affrontarle e risolverle”.

E’ quanto afferma il Sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, in una dichiarazione nella quale stigmatizza il clima creatosi attorno ad alcune emergenze che stanno riguardando la città, a cominciare dall’emergenza rifiuti.

“Le emergenze che stanno affiorando in questo periodo – sottolinea il Sindaco Mario Occhiuto – non dipendono dall’Amministrazione comunale. Basti pensare all’emergenza rifiuti causata dal blocco dei conferimenti o alle frane di questi ultimi giorni nella zona di Portapiana. L’Amministrazione comunale ha sempre dimostrato la capacità di fronteggiare ogni genere di emergenza e, nello stesso tempo, ha  continuato a pensare al futuro della città, alla sua vita e alla sua bellezza, attuando una politica di nuovi interventi e realizzazioni con una incisiva programmazione della crescita futura di Cosenza. Quanto al pagamento delle tredicesime e degli stipendi ai dipendenti comunali e ai lavoratori delle cooperative, il problema non c’è e le notizie che provengono dalla Banca vanno proprio in questa direzione.

D’altra parte, come Sindaco della città ci ho sempre messo la faccia, avendo incontrato già da tempo i dipendenti comunali e gli operatori delle Cooperative e rassicurandoli. Ecco perché è oltremodo strano che il Comune di Cosenza, che è in regola con i pagamenti, venga fatto oggetto di strumentalizzazioni che mirano solo e soltanto ad oscurare e denigrare quanto di buono l’Amministrazione comunale è stata capace di fare sinora per il bene della città. Ed è estremamente triste constatare che qualcuno immagini persino di spargere i rifiuti sulle strade”.

Pubblicità