Catanzaro, dipendente di un supermercato positivo al Covid-19

coop-catanzaro-dipendente-positivo-covid-19
Pubblicità

Un dipendente del supermercato Coop di Catanzaro risultato positivo al Covid-19. A comunicarlo, in una nota stampa, lo stesso Gruppo AZ S.p.A.

“Con la trasparenza che da sempre caratterizza il nostro rapporto con i clienti e al fine di evitare spiacevoli speculazioni mediatiche nella giornata di domani 24 marzo 2020 il punto vendita Coop di via Gioacchino  da Fiore di Catanzaro resterà chiuso al pubblico, poiché, in data odierna, un nostro collaboratore è risultato positivo al test del Covid-19.
Lo stesso, al quale esprimiamo massima solidarietà non ha mai accusato nessun sintomo collegato al coronavirus (rinorrea, mal di gola, tosse, febbre e difficoltà respiratorie). Tuttavia, posto a controlli di routine, è risultato essere positivo asintomatico.
Immediatamente dopo aver ricevuto la notizia  la società ha predisposto la chiusura del punto di vendita al pubblico, avviando tutte le procedure di tutela previste dalle attuali norme, tra le quali le attività di sanificazione degli ambienti di lavoro (area vendita, spogliatoi, uffici, bagni, depositi e laboratori), attraverso una società certificata e specializzata del settore.
Contestualmente, i nominativi dei cinque colleghi da lui segnalati, che hanno avuto “un contatto stretto e ravvicinato per un tempo superiore a 15 minuti” sono stati immediatamente comunicati alle autorità sanitarie per effettuare i relativi controlli e posti in quarantena.
È utile precisare che le mansioni del collaboratore non prevedono un contatto diretto, stretto e ravvicinato con il pubblico e che egli ha sempre lavorato con le dotazioni previste dalle normative vigenti (mascherina, guanti e sanificazione frequente delle mani) così come testimoniato dalle ultime visite ispettive degli organi di controllo.
Il supermercato riaprirà al pubblico mercoledì 25 marzo, osservando i consueti orari di lavoro e garantendo come sempre i massimi standard di sicurezza ai clienti e ai lavoratori.”

Pubblicità