Coronavirus, da Palazzo dei Sarti verranno consegnate mascherine all’Ospedale di Cetraro

coronavirus-mascheriene-solidali-ospedale-cetraro
Pubblicità

Prosegue la produzione di mascherine solidali da parte del Palazzo dei Sarti di Cosenza. Il laboratorio d’artigianato, situato nel cuore del centro storico bruzio e guidato dall’imprenditore ventitreenne Riccardo Magarò, sta lavorando incessantemente per soddisfare le richieste pervenute nelle ultime settimane. 

Così, dopo aver gratuitamente donato i primi dispositivi di protezione alla Caritas della Diocesi Cosenza-Bisignano, Magarò ha anche rifornito, per quanto nelle sue possibilità, i reparti di oncologia e cardiologia dell’ospedale Annunziata di Cosenza.

Da oggi, mercoledì 25 marzo, circa 700 mascherine verranno prodotte dal Palazzo dei Sarti per la relativa distribuzione presso il nosocomio di Cetraro

Si ricorda che si tratta di mascherine realizzate col TNT e, cioè, con il cosiddetto tessuto non tessuto, il quale risulta perfettamente filtrante perché idrorepellente all’esterno e idrofobico all’interno.

«Sfortunatamente – spiega Riccardo Magarò – in un primo momento è stato difficile reperire i materiali da utilizzare e, pertanto, abbiamo prodotto mascherine in cotone a doppio strato per fornire almeno una prima protezione al cittadino e aiutarlo a rasserenarlo, se non a livello batteriologico, sicuramente dal punto di vista mentale. Attualmente, invece, le nostre mascherine sono realizzate in TNT, grazie – aggiunge – alla collaborazione intrapresa con Tessuti Stock di Rende, che ringrazio personalmente per la fornitura». 

«Nella lavorazione dei dispositivi – dice ancora Magarò – naturalmente vengono adottate tutte le misure precauzionali possibili, compresa la preventiva sterilizzazione delle macchine da cucire. Straordinario – conclude – l’aiuto di Stefano Costabile, cappellaio cosentino, che è al lavoro con me: finché ce ne sarà bisogno, continueremo nella nostra produzione, totalmente gratuita». 

Pubblicità