Gio 29 Lug 2021
Advertising
Home Costume & Società Solidarietà L'Avis comunale di Cosenza nella giornata...

L’Avis comunale di Cosenza nella giornata mondiale del donatore

Oggi è la giornata mondiale del donatore.

A Cosenza, in particolare, l‘Avis comunale – da sempre – alterna intensi momenti di condivisione e giusti spazi ai volontari ed alla raccolta del sangue. Ma da quando esiste l’Avis comunale in città? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro.

Il 6 ottobre del 1960 a Cosenza si costituisce la prima sezione comunale dell’Associazione Volontari del Sangue (AVIS) e nel maggio del 1962 inizia una  proficua attività nella sede storica di corso Mazzini, alla cui guida venne nominato il compianto  prof. dott. Francesco Serra e supportato nella parte sanitaria dal prof.re dott. Carlo  Brancati, mentre ad occupare il compito nella segreteria venne chiamata la giovane Anna Marcella Iazzolino e, sotto la guida, sapiente, della Presidente  Anna Marcella Iazzolino  e del Vice Presidente Marcello Stigliano, quest’ultimo, figura di grande supporto alle idee ed ai progetti della Presidente Iazzolino, trasferiscono la sede da Via Arabia 23 a Viale Trieste n°5 dove l’AVIS raggiunge il traguardo dell’accreditamento da parte della Regione Calabria, come Unità di raccolta per la provincia di Cosenza.

Riconoscimento che ha rappresentato il coronamento di un costante impegno verso gli altri  e verso il sistema trasfusionale. Non è da ultimo che  il raggiungimento di  questo traguardo sia dovuto, anche all’impegno, alla costanza e alla dedizione dei donatori, soggetti primari dell’Associazione, dei dipendenti AVIS dal personale  medico e paramedico”, ci dicono.

E stamane, nella sede di viale Trieste – pur senza la “festa” auspicata per le note vicende del Covid – amici, presidenti e cittadini si riuniranno per stare certamente insieme e programmare nuove importanti sfide. Donare sangue? Serve sempre. Sempre.