Mar 14 Lug 2020
Advertising
Home Costume & Società Solidarietà Cosenza, al Comune donati 15 computer...

Cosenza, al Comune donati 15 computer per bambini e ragazzi delle aree disagiate

- Advertisement -

Comincia a prendere forma il progetto dell’Amministrazione comunale di aprire a breve un punto informatico nel cuore del centro storico, a Palazzo Spadafora, sede del settore educazione e dell’assessorato al centro storico, da destinare ai bambini e ai ragazzi della città vecchia, appartenenti a nuclei familiari bisognosi.

Il primo atto di questa vera e propria mission si è compiuto questa mattina, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, con la donazione di 15 computer da parte della “ProjectLife Calabria”, ente di formazione e agenzia per il lavoro con sede a Cosenza. I 15 computer sono stati consegnati al Sindaco Mario Occhiuto e all’Assessore al welfare e al centro storico Alessandra De Rosa nel corso di una breve e cordiale cerimonia. “Nella nostra filosofia – ha detto il titolare di “ProjectLife Calabria”, Francesco Volpentesta, un posto di prim’ordine ha sempre occupato la necessità di fornire istruzione adeguata, qualificata e competente. In una fase così particolare come quella venutasi a determinare a seguito dell’emergenza Covid, abbiamo ritenuto di dover rafforzare la nostra missione mettendoci dalla parte di chi non ha grandi mezzi per potersi precostituire un percorso d’istruzione adeguato ai tempi. Ecco perché abbiamo voluto donare i nostri computer ai bambini e ai ragazzi che non se li possono permettere”. Il Sindaco Occhiuto e l’Assessore De Rosa hanno ringraziato il titolare di “ProjectLife Calabria” che è stato messo in contatto con il Comune di Cosenza da chi, da sempre, si occupa tanto di sociale e di solidarietà, Emilia Pietramala, già assessore alle politiche sociali del Comune di Dipignano che ha in diverse occasioni collaborato a diverse iniziative dell’Amministrazione comunale di Palazzo dei Bruzi. “Il nobile gesto di “ProjectLife Calabria” – ha detto l’Assessore De Rosa, facendosi interprete dei sentimenti di soddisfazione del Sindaco Occhiuto – ci dà la possibilità di concretizzare un percorso che abbiamo già iniziato con le Associazioni “Santa Lucia” e “San Pancrazio”, particolarmente attente alle esigenze dei bambini e dei ragazzi che vivono nelle aree disagiate del centro storico. Con l’apertura del punto informatico di Palazzo Spadafora, dove saranno allestite le 15 postazioni ese possibili dalla “ProjectLife Calabria”, intendiamo perseguire una duplice finalità: aprire le porte della casa comunale (dove ha sede il settore educazione e l’assessorato al centro storico) e dare a chiunque, anzitutto ai bambini e ragazzi bisognosi, la possibilità di sviluppare le abilità informatiche, oggi quanto mai necessarie, in una società che, anche a seguito dell’emergenza Covid, ci pone di fronte a profondi cambiamenti”.