Sab 18 Set 2021

sibarinet

Home Costume & Società Docenti di sostegno: siamo alle solite!...

Docenti di sostegno: siamo alle solite! Ancora problemi per insegnanti ed alunni

Prosegue la battaglia per i diritti degli alunni con disabilità e il riconoscimento del giusto  merito per i docenti specializzati proprio sul sostegno.

Sta per iniziare il nuovo anno scolastico ed ancora non si è trovata la soluzione per un atavico, grosso, problema. I ragazzi con disabilità saranno, se non cambierà la rotta, ancora penalizzati da una politica miope. Insomma, a quanto pare, anche questo nuovo anno scolastico si tradurrà nella violazione dei diritti fondamentali degli studenti con bisogni educativi speciali e delle loro famiglie.

Accanto ai ragazzi con disabilità e a docenti professionalmente accreditati a questo tipo di insegnamento il “Movimento Nazionale Docenti Specializzati e Specializzandi sul Sostegno”.

Il gruppo nato per rappresentare e promuovere la professionalità e le competenze dei docenti che hanno frequentato corsi di specializzazione sul sostegno, chiede da tempo maggior attenzione verso una categoria di docenti che dovrebbe avere la priorità su tutti, visto che è l’unica capace di rispondere ai bisogni educativi degli alunni con interventi calibrati sulle condizioni personali di ciascuno. Eppure, forse, alla classe politica non interessano i diversamente abili, altrimenti non si spiegherebbe il perchè si ripropongono sempre le stesse incognite per gli insegnanti di sostegno.

La precarietà della figura di docente di sostegno impedisce di consolidare l’idea di team-docente stabile in grado di strutturarsi come una vera “comunità delle buone prassi”
La discontinuità di intervento con un incarico in sedi sempre diverse rallentano
la comprensione delle potenzialità dell’alunno con disabilità e di quanti mostrino difficoltà di apprendimento o disagio.

I docenti specializzati sul Sostegno costituiscono una risorsa preziosa che va immediatamente valorizzata nella sua interezza, per  tutelare il “Progetto di Vita” degli studenti con disabilità e rilanciare la Scuola. Quest’ultima, oltre che dalla pandemia, è ferita da una crisi strutturale senza precedenti, certificata dal rilevante bisogno di insegnanti di Sostegno. Una situazione, dunque, che genera un grave ostacolo nei confronti degli alunni con disabilità e le loro famiglie e un’insormontabile barriera per il processo di realizzazione di una Scuola realmente inclusiva, come più volte denunciato dalle diverse associazioni di genitori e dalle famiglie degli alunni con disabilità.

La situazione si è sensibilmente aggravata a causa dell’emergenza pandemica, che si è riverberata particolarmente sugli studenti con Bisogni Educativi Speciali. Risulta incontrovertibile che, in uno scenario come quello sopra descritto, non ci si può permettere di sprecare nemmeno un solo Specializzato;  già dal mese di settembre 2020, i docenti in possesso della Specializzazione dovrebbero poter far parte stabilmente dell’Organico di Diritto, attraverso le immissioni in ruolo.