Lun 6 Dic 2021
spot_img
HomeAttualitàSalute&BenessereRicerca sul cancro, svolta al De...

Ricerca sul cancro, svolta al De Bellis: scoperta proteina che ripara cellule tumorali

Aumenta in oncologia la possibilità di intervenire con terapie mirate a uccidere solo le cellule tumorali – evitando dunque le distruzioni a tappeto di cellule sane e malate indotte dalle chemioterapie – in vari casi di cancro.

Ciò anche grazie alla scoperta dell’IRCCS de Bellis di Castellana Grotte: qui un progetto di ricerca guidato dal prof. Cristiano Simone e finanziato dalla Fondazione Airc ha individuato in laboratorio il ruolo chiave di un gene che produce una delle proteine ‘operaie’ addette alla riparazione del nostro DNA: si chiama SMYD3, era nota da una decina d’anni poiché rilevata in dosi massicce in vari tipi di tumore, ma non se ne conosceva ancora la funzione.

Dopo solo otto mesi di ricerca (il progetto è quinquennale), il lavoro del de Bellis – appena pubblicato sulla prestigiosa rivista iScience del gruppo Cell, prime autrici Paola Sanese e Candida Fasano – ha fatto luce sul suo funzionamento, dimostrando come, in alcuni casi, bloccando la proteina con farmaci inibitori le cellule tumorali non riescano ad a riparare il proprio DNA e muoiano.

L’obiettivo è quello di sviluppare gli inibitori di SMYD3 in modo da ottenere farmaci potenti da testare in studi clinici controllati.