Home Cronaca Indagato il Presidente del Consiglio Conte

Indagato il Presidente del Consiglio Conte

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma. L’ipotesi di reato è di peculato: avrebbe ‘prestato’ la sua scorta alla compagna, Olivia Paladino. La notizia è stata ripresa da Repubblica.

Indagato Giuseppe Conte: il motivo

I fatti risalirebbero al 26 ottobre scorso. La fidanzata del premier stava passeggiando vicino casa, in pieno centro a Roma, quando è stata avvicinata da un inviato della trasmissione televisiva Le Iene, Filippo Roma.

Alla domanda posta alla donna, relativa ai problemi con il fisco del padre Cesare Paladino, la compagna del presidente del Consiglio avrebbe evitato di rispondere rifugiandosi in un supermercato.

Poco dopo sarebbe arrivata la scorta di Giuseppe Conte, che avrebbe accompagnato la donna a casa.

Indagato Giuseppe Conte: l’accusa di Fratelli d’Italia

A sollevare i dubbi sulla condotta del premier è stata Roberta Angelilli di Fratelli d’Italia, in un esposto inviato alla Procura di Roma, lamentando “un uso improprio della scorta”.

Il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pubblico ministero Carlo Villani, dopo aver ascoltato l’inviato delle Iene Filippo Roma e acquisito alcuni video, hanno iscritto il premier Giuseppe Conte nel registro degli indagati per peculato, trasmettendo gli atti al Tribunale dei ministri.

Il reato ipotizzato, peculato, potrebbe però trasformarsi in abuso d’ufficio.

La palla adesso passa ai giudici: avranno 90 giorni per svolgere le indagini. L’ipotesi più probabile però resta quella dell’archiviazione.

Indagato Giuseppe Conte: il chiarimento del Viminale

Il Viminale ha spiegato che gli uomini del presidente del Consiglio si trovavano quel giorno in “osservazione e controllo al di sotto dell’abitazione della compagna del premier“.

Giuseppe Conte infatti sarebbe stato in quel momento all’interno dell’appartamento, con i poliziotti davanti al portone in attesa della sua uscita.

Uno degli agenti avrebbe notato l’agitazione causata dalla troupe delle Iene e sarebbe stato invitato a entrare nel supermercato da un cassiere.

Il poliziotto avrebbe così scortato Olivia Paladino fuori dal negozio, ma la fidanzata di Conte sarebbe rientrata a casa a piedi, senza utilizzare l’auto blu.

Nella relazione del ministero dell’Interno verrebbe sottolineata anche l’estraneità ai fatti di Giuseppe Conte, informato solo in seguito di quanto accaduto, dalla stessa Olivia Paladino e dagli uomini della scorta.