Gio 17 Giu 2021
Advertising
Home Costume & Società Ambiente Mi presento! Sono Pinus Nigra Laricio

Mi presento! Sono Pinus Nigra Laricio

di Antonio Vulcano

Sono uno tra tanti, sono il Pinus Nigra laricio, il più vanitoso, il più socievole, il più bello. A differenza di un mio consanguineo il Pino loricato che vive più in alto ma in solitudine, io amo la compagnia dei miei simili che a migliaia popolano i declivi dell’altopiano. Organizziamo dei concerti  in compagnia del vento e  mostre fotografiche  a beneficio dei tanti  che ci ritraggono quando siamo imbalsamati dalla neve. Discendo dalla famiglia delle Pinaceae e vanto  nobiltà antiche  che provengono da citazioni in opere di scrittori celebri come Virgilio, Plinio, Cicerone, Dionigi di Alicarnasso che hanno decantato la Silva Bruttia: una foresta di pini che copriva e copre, sebbene in misura minore, la parte più meridionale della penisola. Vengo anche chiamato, il calabrese o il silano, due pseudonimi che mi piacciono di più perché mi distinguono dalla generica e fredda terminologia scientifica. Il mio habitat naturale è in Calabria dove respiro l’aria di libertà delle alture e degli spazi: sono presente dalla Sila grande alla Sila piccola, alla Sila greca, in Aspromonte e nelle Serre vibonesi contribuendo con il mio ossigeno a rendere l’aria la più salubre che si possa respirare. Da vivo do ombra, frescura a uomini e animali, da morto ho dato il mio sangue-pix bruttia- per calafatare le triremi, aromatizzare il vino dei banchetti (pix in Italia ad vasa vino condendo maxime probatur Bruttia), illuminato le notti buie dei banchetti di Trimalcione e ancora oggi, il mio cuore resinoso, accende il camino di umili dimore ; con le mie ossa ho costruito navi resistenti, impalcature finanche per il duomo di Venezia. Ho pagato i debiti dell’insana guerra del 40-45 a inglesi e americani sacrificando i più nobili dei miei fratelli: i Giganti di Fallistro. Questa è la mia storia, in pillole, perché ho un passato millenario che risale all’ultima glaciazione in cui ho perso parte del dna della famiglia per trasformarmi e costituire una mia famiglia: laricio,appunto. Ma ora, voglio presentare il più nobile, il più bello della famiglia:  nato in una curva a gomito, sulla provinciale che dal lago porta a Bocchigliero, piccolo borgo silano, si presenta inaspettato, al guidatore distratto, per la sua imponenza, per la sua altezza, per il suo essere unico rappresentante di una specie che per 40 mt e 3 di circonferenza non ha un ramo, un nodo se non in cima dove finisce con tre rami sbilenchi. Lo premiarono con una targa, ora perduta:”sono il più bello della Sila” così c’era scritto, come se la bellezza dovesse essere certificata per vederla.Da quell’altezza si specchia nell’azzurro del lago e come Narciso è destinato a struggersi dall’amore per se stesso. Non ha eguali in tutto l’altopiano; più in là, in una riserva indiana , sopravvivono i 50 Giganti di Fallistro, rimasti. Fa da sfondo ai selfie dei tanti ammiratori che si fermano meravigliati che il pino non sia entrato tutto nella foto!