Mer 4 Ago 2021
Advertising
Home Politica Cosenza, "oltre ai nomi pensiamo alla...

Cosenza, “oltre ai nomi pensiamo alla città”, il messaggio della Cassano

“Passare da Viale della Repubblica è diventato molto suggestivo grazie alla presenza dei murales che ricordano un pezzo di storia della nostra Cosenza: Gigi Marulla, Giuseppe Faraca e ultima aggiunta in ordine di tempo Totonno Chiappetta. Vorrei ringraziare pubblicamente tutti coloro che si sono impegnati per realizzare le opere e che ci lasciano così un ricordo indelebile di un artista completo che ha fatto ridere e riflettere una generazione, tratto identitario di una Cosenza che forse non c’è più”.

Ad affermarlo, in una nota, è Francesca Cassano, Consigliere Comunale di Cosenza ,“Uniti per la Città”

“Il murales di Totonno Chiappetta, scoperto lo scorso 13 Giugno, è stato realizzato grazie a Federico Morabito e alla sua squadra che negli ultimi anni ha realizzato anche quello di Donato Bergamini nella curva Sud dello stadio San Vito-Marulla, e di Mario Gualtieri sul muro di cinta del palazzetto Casali. Sarebbe bello se il Comune sposasse e sostenesse iniziative di questo genere come avviene in molti altri centri della Calabria, e d’Italia, che ne hanno fatto un tratto identitario e di attrazione turistica”, spiega.

Ma non è solo una questione estetica, per la Cassano. “Molte amministrazioni comunali hanno abbracciato l’arte urbana allo scopo di riqualificare periferie e quartieri in condizioni marginali nonché per veicolare messaggi significativi su tematiche di forte impatto come l’ambiente e i diritti.

A Cosenza, in questi anni, si è creata una barriera invisibile tra periferie e centro. La street art potrebbe arginare dinamiche di emarginazione sociale – dispersione scolastica e ghettizzazione– e rigenerare le aree urbane interessate creando un riavvicinamento tra periferie, centro e amministrazione.

Alla vigilia delle elezioni comunali, oltre ai nomi, sarebbe auspicabile capire che tipo di città immaginiamo per il futuro: una Cosenza che guarda al suo passato e alla sua storia e li immortala grazie al talento dei giovani artisti di strada sarebbe un’idea da cui cominciare”, asserisce  Francesca Cassano