Mer 4 Ago 2021
Advertising
Home Sport Femminile di bocce, il sogno scudetto...

Femminile di bocce, il sogno scudetto di Sala si infrange in semifinale

La finale scudetto 2021 del Campionato italiano di Società femminile di raffa, in programma dalle ore 9 di oggi domenica 4 luglio 2021, a San Giovanni in Persiceto (BO), si disputerà tra le campionesse uscenti della TREM Osteria Grande Castel San Pietro (BO) e le giovanissime della Bocciofila Spello (PG).

Già protagonista della storica impresa di essere la prima squadra femminile calabrese ad arrivare alla final four, la Bocciofila Sala di Catanzaro fallisce quella che sarebbe stata una clamorosa finale scudetto.

Le giovanissime atlete umbre della Bocciofila Spello (quattro Under 18 a disposizione su cinque atlete in rosa) hanno battuto per 5-1 la squadra calabrese del tecnico Bianco e del presidente Iiritano. Primo round terminato 4-0, poi la coppia formata da Anna D’Elia e Antonella Donato ha provato a lanciare la reazione calabrese nel secondo turno, ma il duo Laura Picchio – Gilda Franceschini conquista il quinto e decisivo set, che vale la qualificazione alla finale scudetto. “E’ stata un’esperienza bellissima. Probabilmente è mancata un po’ di esperienza per farci mantenere la giusta lucidità. Ma siamo già abbastanza contente così”, questo il primo commento a fine gara di Assunta Lacroce, giocatrice di Sala e responsabile del settore femminile del Comitato calabrese della Federbocce.

Le bolognesi di Castel San Pietro invece, come detto  scudettate già nel 2020, hanno prevalso sul Flaminio Roma per 5-0 al termine di un incontro dai parziali anche abbastanza netti.

IL TABELLINO

Bocc. Spello (PG) – Bocc. Sala Catanzaro (CZ) 5-1

Picchio – Nutrica – Taccucci vs Iiratano (2° set Costa) – Donato – Lacroce 8-0, 8-1; Franceschini vs D’Elia 8-2, 8-7; Picchio – Franceschini vs Lacroce – Citraro 8-4; Taccucci – Pesci vs D’Elia – Donato 2-8.

All. Bocc. Spello: Vincenzo Castignani

All. Sala Catanzaro: Francesco Bianco

Direttore di incontro: Riccardo Antolini

Arbitri di campo: Danilo Paradisi e Donato Potenza