Gio 16 Set 2021

sibarinet

Home Politica Regionali, Letta a Gizzeria per la...

Regionali, Letta a Gizzeria per la Bruni: “Vinceremo le elezioni”

“Io sono in Calabria perché sono convinto che noi vinceremo le elezioni regionali”. Lo ha affermato il segretario del Pd, Enrico Letta, a Gizzeria (CZ), nel corso di un’iniziativa a sostegno della candidata del centrosinistra alla presidenza della regione, Amalia Bruni.

“Abbiamo una candidata che – ha proseguito Letta – è un fiore all’occhiello di questa regione, un’eccellenza di questa regione, scienziata di fama internazionale, che conosce la Calabria perché ci vive e ci lavora e che sarà in grado, da presidente della Regione, di dare il meglio perché la Calabria torni a essere centrale ed esca da quell’angolo nel quale purtroppo oggi è.

Se si vuole voltare pagina in Calabria, o c’è la destra che continua sulla linea dell’amministrazione di questi mesi oppure c’è Amalia Bruni. Altre soluzioni non ci sono. E quindi – ha sostenuto il segretario del Pd – chi sostiene Amalia Bruni sostiene il cambiamento e la pagina voltata, chi invece sceglie altre opzioni, sceglie la continuità con Spirlì e con quello che è successo in questi mesi. Quindi noi siamo molto determinati, è la grande occasione per la Calabria e il Mezzogiorno”.

“Voglio ringraziare tantissimo Amalia Bruni, che ha scelto di mettersi in gioco, di mettere a disposizione della sua terra che ama tutta la sua credibilità, che è tantissima, a livello nazionale, internazionale e a livello ovviamente regionale. Io sono molto fiducioso e molto ottimista”. Letta ha quindi aggiunto: “Non avevamo scartato aprioristicamente le primarie, sono state tante le riunioni e le discussioni che sono state fatte. Voi sapete che quando sono arrivato a marzo ho trovato un Pd commissariato, quindi una situazione che ovviamente sconta anni di difficoltà. Con questa situazione abbiamo lavorato guardando tutte le ipotesi possibili, sia sul metodo sia sui contenuti.

Alla fine oggi, oggi, dopo un percorso che so benissimo essere stato molto contorto e molto complicato, arriviamo con una soluzione che dico è alla grande per la Calabria, per il Pd e per la nostra alleanza. Attorno ad Amalia Bruni – ha rilevato il segretario del Pd – c’è una coalizione larga, c’è entusiasmo crescente”. Secondo Letta “per noi sarà un grande impegno non solo regionale ma ne voglio fare un impegno di tipo nazionale.

E’ un messaggio che voglio dare a tutto il Paese: se una scienziata di fama internazionale come Amalia Bruni decide di lasciare tutto e di impegnarsi per la sua terra, esattamente come Draghi ha fatto a livello nazionale, io credo che il messaggio sia alle migliori eccellenze di questo Paese che questo è il momento di mettersi in gioco. La scelta della Bruni in Calabria – ha sostenuto il segretario del Pd – è un messaggio bellissimo a livello nazionale. Non è semplicemente una continuità di gruppi dirigenti: una delle migliori eccellenze di questa terra che decide di mettersi in gioco per la sua terra. Spero che questo messaggio venga colto da tanti altri in tante regioni d’Italia. Mi fa piacere dire che dal Mezzogiorno più profondo, dalla Calabria, viene un bellissimo messaggio che – ha concluso Letta – dev’essere colto a livello nazionale, un messaggio a tutto il Paese”.

“La legge regionale e la situazione politica in Calabria fanno sì che o si vuole fare testimonianza, e allora ognuno può correre per conto suo, ma se si vuole vincere bisogna essere con noi e con Amalia Bruni, se si vuole vincere e se si vuole evitare che ci sia in continuità con l’amministrazione Spirlì”. Ha affermato il segretario del Pd rispondendo a una domanda sul sindaco di Napoli Luigi de Magistris, anch’egli candidato governatore in Calabria alla guida di un polo civico.

“Io – ha aggiunto Letta – mi sento di dire a tutti coloro che non vogliono la continuità dell’amministrazione Spirlì che noi siamo disponibili a discutere con chiunque, la nostra disponibilità c’è, sapendo che – ha concluso Letta – la nostra disponibilità è attorno a un’opzione che abbiamo messo in campo e che non si discute”.