Lun 20 Set 2021

sibarinet

Home Attualità A Cerchiara l’incontro “A proposito di...

A Cerchiara l’incontro “A proposito di anziani”

La partecipazione del calabrese Filippo Diaco, prestigioso dirigente nazionale delle Acli, vincitore del Premio “Don Oreste Benzi dalla parte degli ultimi”, ed insignito della cittadinanza onoraria del Comune di Calopezzati ha impreziosito l’iniziativa della FAP ACLI (Federazone anziani e pensionati di Cosenza) svoltasi presso la sala consiliare del Comune di Cerchiara di Calabria.

Ad inizio dei lavori è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime della tragedia del Raganello avvenuta tre anni fa. A inaugurare la giornata i saluti del sindaco Antonio Carlomagno, che ha riconosciuto il valore l’impegno e la rilevanza sociale delle Acli e delle altre associazioni del terzo settore quali corpi intermedi tra le istituzioni e la società civile; poi la riflessione sulle politiche sociali del consigliere Comunale Maria Pistocchi e della vice presidente delle Acli di Cosenza Teresa Grisolia hanno di fatto aperto il confronto tra diverse esperienze “A proposito di Anziani , è tempo di responsabilità”.

Filippo Diaco ha dettagliato l’esperienza bolognese “Adotta un nonno” promossa dalle ACLI Bolognesi con la Diocesi consistita nell’avvio un contatto telefonico tra bambini e nonni soli creando relazioni di affetto e scambio, che hanno alleviato molto la solitudine di cui soffrono soprattutto gli anziani. Carmelo Campolo, segretario della Fap di Cosenza ha spiegato come a Cosenza pur rispettando le direttive per evitare la diffusione del contagio è stata intensificata l’attività di distribuzione degli alimenti, da parte dei circoli associati con il Banco Alimentare in collaborazione le parrocchie, aiutando numerose famiglie dislocate su tutto il territorio provinciale, dispensando, inoltre, (essendo tra i collaboratori del Banco farmaceutico) farmaci da banco a tutti coloro che ne avevano necessità, partecipando anche all’Iniziativa nazionale delle Acli una mano per la spesa. Gli operatori volontari delle Acli, assieme ai servizi delle Acli (Patronato e Caf) ed alle Acli Colf, adottando le dovute cautele igienico-sanitarie, hanno aiutato gli aventi diritto alla compilazione di modelli necessari per i vari bonus curandone anche l’invio on-line, al fine di evitare le consegne a mano presso gli uffici protocollo, mentre le Acli Colf sono state di supporto alle famiglie ed alle Assistenti familiari in un continuo dialogo.

Antonio Valentino presidente dell’ADA ha condiviso l’esperienza di servizio realizzata presso lo stesso ambito di Cerchiara concretizzatasi al servizio delle persone anziane e sole non solamente attraverso la consegna a domicilio delle risorse alimentari ma anche mettendosi a disposizione delle persone fragili accompagnando le stesse presso i presidi sanitari. Saverio Sergi, segretario Regionale della Fap Acli della Calabria, che ha coordinato i lavori, nel rimarcare la trasferibilità delle esperienze realizzate ha evidenziato la necessità dell’impegno a mantenere un rispettoso equilibrio tra le varie fasce di età della popolazione, ritenendole tutte con pari diritti anche quando, come nel caso degli anziani, escono dal mondo attivo del lavoro. L’emergenza Coronavirus ha imposto la centralità della sanità pubblica, ribadendo, ancora che occorre ridurre la distanza tra bisogni e servizi lavorando su luoghi fisici concreti semplificandone i percorsi di accesso e garantendo sempre informazioni aggiornate.

Il segretario regionale ha ricordato che è ancora in divenire la sottoscrizione e la promozione dell’appello “Senza anziani non c’è futuro” lanciato da numerose personalità della cultura, della politica, della società civile e del volontariato a livello italiano ed europeo, per contrastare il pericolo che passi una idea di una “sanità selettiva” basata sulla vulnerabilità delle persone. Nello scambio di esperienze sono intervenuti , inoltre, Maria Donato responsabile Acli Colf Cosenza, Antonella Covelli coordinamento donne Acli Cosenza, Giamaica Puntillo segreteria Nazionale Acli Colf, Santina Bruno coordinamento donne Acli Calabria. La giornata è proseguita con la visita guidata al Santuario di Santa Maria delle Armi dove i convenuti, dopo aver ammirato le suggestive bellezze naturali paesaggistiche, storiche ed artistiche, meditando sulla santità del luoghi si sono soffermati davanti alla immagine di Santa Maria, impressa sulla pietra, per un momento di riflessione e preghiera.