Mar 21 Set 2021

sibarinet

Home Cronaca Strada della morte, 12 le vittime...

Strada della morte, 12 le vittime lungo la statale 106 jonica nel 2021

Con il decesso della moglie dello sfortunato brigadiere si allunga la lista delle vittime registrate lungo la statale 106 jonica dall’inizio dell’anno 2021.

A comunicare il triste bilancio l’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” .

Nell’ultimo terribile incidente stradale a perdere la vita prima il Brigadiere Silvestro Romeo, (undicesima vittima sulla Statale 106 nel 2021) dopo Francesco Cannistrà, Akrem Ajarì, Eleonora Recchia, Michela Praino, Altea Morelli, Raffale Misuraca, Anna Maria Concetta Cutuli, Kawsu Ceesay, Maria Mammone e Valentino Pò ed oggi si aggiunge il sopravvenuto decesso, per le ferite riportate, di Giusy Bruzzese, moglie del brigadiere.

L’O.D.V. intende ribadire e sottolineare che tutto ciò rappresenta la più grande Strage di Stato della storia della Repubblica italiana ed intende evidenziare, inoltre, che quanto accade purtroppo da sempre sulla S.S.106 ha delle chiare ed evidenti responsabilità politica: il silenzio e l’indifferenza del Governo nazionale e regionale, della classe parlamentare calabrese a Roma, delle amministrazioni locali e provinciali, delle forze sindacali. Tutti, nessuno escluso, coloro i quali rivestono ruoli istituzionali, sono moralmente responsabili dell’olocausto sulla S.S.106.

Un messaggio di “profondo cordoglio e di sincera solidarietà” è stato inoltrato dal Presidente della nostra O.d.V. al Comando Provinciale della Benemerita Arma dei Carabinieri di Reggio Calabria. Nel messaggio il Presidente Leonardo Caligiuri ha voluto rendere noto dei “tanti messaggi di dolore ricevuti in queste ore dalla nostra O.d.V. da parte di cittadini ed amici raccontano di un Brigadiere della Benemerita Arma dei Carabinieri che ha lasciato in molti un ricordo straordinario grazie al suo esempio, all’operato esemplare ed al rispetto sempre alto nei confronti della Divisa“. Allo stesso modo il Presidente Caligiuri ha evidenziato quanto questa perdita è sentita dall’intera O.d.V. poiché “le Forze dell’Ordine tutte, sono ormai l’unico Stato presente sulla strada Statale 106 in Calabria“.

Il Direttivo dell’O.d.V. “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” non accetta che si possa pensare alla realizzazione del Ponte sullo Stretto, per un investimento di oltre 10 miliardi di euro destinati alla criminalità organizzata, mentre 415 chilometri di costa jonica calabrese hanno una strada inadatta a gestire gli attuali volumi di traffico che semina morte e disperazione da circa un secolo nell’assoluta indifferenza di uno Stato indegno e colluso.

L’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, infine, si stringe attorno alla Famiglia delle vittime, ai parenti ed agli amici tutti, a cui esprimiamo sentimenti di vicinanza e cordoglio. Noi non dimenticheremo queste vite spezzate sull’asfalto della “strada più pericolosa d’Italia”. Noi non resteremo indifferenti ed in silenzio davanti all’ennesima tragedia di una strada sempre più serial killer in Calabria ed in Italia. La “strada della morte”, non ci stancheremo mai di ripeterlo, rappresenta la più grande Strage di Stato della storia della Repubblica italiana.