Dom 24 Ott 2021

spazio pubblicitario disponibile

HomeAttualitàSicurezza scolastica: in Calabria meno scuole...

Sicurezza scolastica: in Calabria meno scuole e carenza di asili nido

In Calabria studiano 268.101 alunni, sparsi in 14.788 classi – con una media di circa 18 studenti a classe – divise in 2.345 sedi scolastiche. Sono i numeri evidenziati dal XIX Rapporto di Cittadinanzattiva sulla sicurezza a scuola, basato sui dati forniti dal Ministero dell’Istruzione sull’annualità 2020/2021.

Diverse le criticità rilevate in Calabria. Anzitutto, si tratta della Regione che ha registrato la maggiore riduzione di plessi scolastici: in un solo anno si sono perse 26 scuole, passate da 2.371 a 2.345.

Nessuna altra Regione in Italia ha registrato una diminuzione a due cifre, mentre complessivamente a livello nazionale si sarebbero persi 91 plessi, il 28% dei quali si trovava in Calabria. Pesa, inoltre, per oltre la metà delle sedi scolastiche censite, la mancanza delle certificazioni sulle condizioni strutturali.

Altro aspetto riguarda le classi sovraffollate: a tal proposito, il report ha diviso la popolazione scolastica in base alle fasce di frequentazione, e ci offre un quadro piuttosto chiaro della vivibilità e della sicurezza nei vari ambienti. Nelle scuole dell’infanzia studierebbero 37.976 alunni in 1.956 classi, con una media di 19 alunni per classe. Nelle primarie si troverebbero invece 80.160 alunni in 4.913 classi, con una media di 16 studenti per classe. Nelle secondarie di primo grado troviamo 52.872 alunni in 2.895 classi, con una media di 18 studenti per classe. Infine, nelle secondarie di secondo grado risulterebbero 97.093 alunni in 5.024 classi, con una media di 19 studenti per classe.

Infine, l’ultimo dato allarmante è quello sugli asili nido: in Calabria ne sono censiti appena 50 di natura pubblica, a fronte di 156 strutture private, per un totale di 206 strutture in tutta la Regione. Questi, inoltre, garantiscono complessivamente 4.326 posti. Per aumentare questi numeri, la Calabria beneficerà di 53,2 milioni per 34 interventi che riguarderanno proprio gli asili nido e le scuole dell’infanzia.