Dom 17 Ott 2021

spazio pubblicitario disponibile

HomeCostume & Società"Puliamo il Mondo" 2021 commemora il...

“Puliamo il Mondo” 2021 commemora il maresciallo Antonio Carbone

Appuntamento stamattina sul lungomare di Paola, in località Pontile, per la prima giornata dell’edizione 2021 di “Puliamo il Mondo”, l’iniziativa ormai istituzionale di Legambiente, giunta alla sua ventinovesima edizione, organizzata dal Circolo Serre Cosentine.

Location d’eccezione, scelta per commemorare il compianto Maresciallo Antonio Carbone, che lo scorso 16 agosto ha sacrificato la propria vita nel tentativo di difendere il proprio mare dall’inciviltà che ogni giorno mette a rischio la straordinaria bellezza del nostro territorio. Alla presenza dell’assessore alle politiche ambientali del Comune di Paola, Salvatore Romito, la giornata, che ha visto la partecipazione di associazioni ambientaliste, volontari, cittadini, il personale della Despar, partner quest’anno dell’evento, il circolo di Legambiente Serre Cosentine ha consegnato alla famiglia del Maresciallo una targa commemorativa, proponendo l’istituzione di una giornata ecologica, il prossimo anno, nell’anniversario della sua tragica scomparsa.

Prima di lanciarsi verso la raccolta lungo la spiaggia, il Presidente del Consiglio Barbara Sciammarella, ha ringraziato e consegnato una effigie di San Francesco, santo protettore della città, ricordando che non bisogna rassegnarsi all’idea che pochi incivili possano deturpare il territorio, che non bisogna guardare dall’altro lato quando qualcuno compie un gesto insulto, ma elegantemente esprimere il proprio disappunto. I fratelli del maresciallo Carbone, Vincenzo e Mariarosaria, hanno rimarcato la necessità di perseguire nella lotta all’abbandono dei rifiuti, della consapevolezza dei danni che l’uomo sta infliggendo al pianeta, enfatizzando il messaggio dello slogan della giornata “Lavoriamo per Noi”,
Don Aurelio Marino ha recitato alcuni passi molto toccanti dell’Enciclica di “Laudato Sii”, in cui Papà Francesco, ci richiama ad adottare comportamenti rispettosi del Creato. Il comandante dell’Arma dei Carabinieri, Antonino Calí, ha salutato i presenti con un commosso ricordo dell’amico e collega.