Mer 27 Ott 2021

spazio pubblicitario disponibile

HomeAttualitàSalute&BenessereLotta alla sclerosi multipla, da Cosenza...

Lotta alla sclerosi multipla, da Cosenza l’appello di aiuto

Purtroppo, sono tante le persone che sonno affette da sclerosi multipla. Una circostanza che rende la malattia una crisi sanitaria globale che deve essere affrontata.

La velocità con cui la malattia progredisce è diversa per ciascuno, tuttavia, anche se, attualmente, non esistono trattamenti per fermare la progressione della sclerosi multipla, vi sono farmaci che possono almeno alleviare i sintomi. Negli ultimi tre decenni, la ricerca scientifica ha fornito una comprensione molto più approfondita del modo in cui la sclerosi multipla colpisce l’uomo. Oggi, i ricercatori continuano a ricercare i trattamenti più efficaci e una cura, nonché i modi di prevenirla per migliorare sempre più la salute delle persone affette da questo terribile male.

La sclerosi multipla rientra tra le patologie multifattoriali in cui più elementi possono essere coinvolti nella sua insorgenza. La ricerca delle cause e dei meccanismi e quella di una possibile cura è ancora in corso, ma gli studi vanno avanti. Lavorare per sconfiggere questa malattia è un dovere per garantire il diritto alla salute dei cittadini che ne sono affetti, ma servono più risorse economiche per mettere la scienza e i ricercatori nelle condizioni più idonee per svolgere il loro compito.

Un minimo aiuto economico da parte di tutti è e sarà dunque uno snodo fondamentale affinché possano essere raggiunti importanti traguardi e fornire risposte concrete in termini di cure e terapie per i pazienti che proprio alla ricerca guardano con sempre maggiore speranza.

2, 3 e 4 ottobre 2020 torna La Mela di AISM, un’iniziativa promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla i cui fondi raccolti oltre a sostenere la ricerca scientifica sulle forme di sclerosi multipla andrà a sostenere il progetto “ripartire insieme”, per essere ancora di più al fianco delle persone con sclerosi multipla e continuare a garantire le attività di AISM sul territorio, fondamentali per le persone con SM.