Ven 3 Dic 2021
spot_img
HomePoliticaSanità, Bruni contro Occhiuto: "Gli sfugge...

Sanità, Bruni contro Occhiuto: “Gli sfugge la gravità della situazione”

“Occhiuto ha intrapreso un percorso sbagliato. Abbiamo necessità di misure straordinarie, di superesperti in riorganizzazione sanitaria e tanto tanto lavoro da fare in team”. Lo afferma la consigliera regionale Amalia Bruni.

“Credo – sostiene – che la gravità della situazione sfugga al presidente Roberto Occhiuto, probabilmente perché negli ultimi anni la sua attività politica si è svolta lontana dalla Calabria e temo che non abbia più il polso della situazione reale. Come ho già detto non basta che si sia messo in testa il cappello da commissario, la Sanità calabrese è allo squasso completo, qui non c’è da aggiustare o da rimettere a posto solo qualcosa.

Non basta un pur bravo dirigente medico o un professionista in grado di risanare qualche conto. Abbiamo bisogno di competenze specifiche e di superesperti nella riorganizzazione sanitaria, che siano anche super motivati e disposti a mettere tutto in gioco pur di vincere una scommessa persa da quanti li hanno preceduti negli ultimi dodici anni”.

Per questo – aggiunge Bruni – “l’individuazione dei subcommissari, per intenderci, sarà fondamentale, la “pietra angolare” su cui ricostruire il nostro sistema sanitario. Il percorso normativo è complesso. Toccherà al Ministro dell’Economia indicare i profili  di concerto col Ministero della Salute per poi arrivare alla ratifica finale dal Consiglio dei Ministri.

I subcommissari dovranno essere uomini in grado, quindi, di riorganizzare e ricostruire dalle fondamenta. Le fondamenta di un settore che oggi non è più in grado di assicurare neppure servizi essenziali come la medicina d’urgenza. Non possiamo e non vogliamo dimenticare la strage quasi quotidiana di cittadini che muoiono lunghe le strade della Calabria per mancanza di soccorsi adeguati, con ambulanze spesso demedicalizzate.

Da qualche giorno circolano sulla stampa nomi altisonanti. Tali profili, purtroppo, non possono essere idonei per una sfida al limite della disperazione come quella in cui versa la nostra sanità. Sarebbe – conclude – un ripercorrere le stesse strade battute per 12 anni. Quelle, per intenderci, che hanno ulteriormente sfasciato un sistema già debolissimo in partenza e noi come cittadini calabresi rischiamo, come al solito, di pagarne le amarissime conseguenze”.