Sab 4 Dic 2021
spot_img
HomeAttualitàEconomia“L’economia della Calabria”, l’occupazione torna a...

“L’economia della Calabria”, l’occupazione torna a crescere: il report di Bankitalia

Importanti segnali di ripresa quelli registrati, nella prima parte di quest’anno, per l’economia calabrese, seppure ancora insufficienti per colmare il calo che ha caratterizzato il periodo della crisi pandemica.

Il rapporto della Banca d’Italia. La ripartenza congiunturale si è però rafforzata progressivamente, spinta dalle riaperture delle attività e dal superamento delle restrizioni precedenti. È quanto viene fuori dal nuovo rapporto di Banca D’Italia, dal titolo “L’economia della Calabria. Aggiornamento congiunturale”, presentato proprio stamani. Le indagini segnalano difatti una diffusa crescita del fatturato delle imprese nei primi nove mesi dell’anno: la ripresa dell’attività economica è stata più rapida e intensa nel settore industriale. Anche il quadro congiunturale delle costruzioni è stato favorevole, beneficiando della crescita degli investimenti pubblici e degli incentivi a sostegno degli interventi per la riqualificazione energetica. Nei servizi la ripartenza è stata più graduale e permane ancora maggiore distanza rispetto ai livelli di attività pre-pandemia.

Gli investimenti. Nel complesso, gli investimenti hanno invece mostrato un andamento meno sostenuto rispetto al fatturato. Sulle prospettive incidono le difficoltà riscontrate a partire dai primi mesi dell’anno nell’approvvigionamento di materie prime e beni intermedi, che si sono già tradotte per alcune imprese in un rialzo dei prezzi dei prodotti finali o in una riduzione dei margini di profitto. Il miglioramento congiunturale ha influito positivamente sulla situazione finanziaria delle imprese, che durante la crisi pandemica avevano comunque beneficiato di ampie misure pubbliche di sostegno. Anche nella prima parte del 2021 i prestiti hanno mantenuto una crescita sostenuta. In un contesto di graduale normalizzazione dell’attività economica e in presenza di un’elevata liquidità, le imprese hanno invece ridotto il ricorso alle moratorie sul debito.

Mercato del lavoro.
 Dopo il peggioramento del 2020, il mercato del lavoro calabrese ha beneficiato della ripresa in corso. In particolare, sono cresciute le posizioni di lavoro dipendente, in un quadro che rispetto ai livelli pre-pandemia rimane tuttavia caratterizzato da un numero minore sia di attivazioni sia di cessazioni. Quest’ultimo fenomeno è riconducibile anche ai vincoli ai licenziamenti per motivazioni economiche e all’ampio ricorso agli ammortizzatori sociali, il cui ruolo si è però progressivamente ridotto nel corso dell’anno. Il miglioramento del quadro congiunturale, insieme all’accelerazione della campagna vaccinale e all’allentamento delle misure di restrizione alla mobilità, hanno contribuito a rafforzare il clima di fiducia delle famiglie. I consumi restano però improntati a maggior cautela rispetto al passato, con un livello di propensione al risparmio ancora elevato.

La spesa delle famiglie. La spesa delle famiglie è stata sospinta anche dal ricorso ai prestiti bancari, con una crescita che ha riguardato sia il credito al consumo sia i mutui per l’acquisto di abitazioni. Tra le fasce più povere, un sostegno diffuso è arrivato dalle misure pubbliche, in particolare il Reddito e la Pensione di cittadinanza e il Reddito di emergenza, che nel loro insieme hanno interessato circa un sesto dei nuclei familiari. In totale, sul mercato del credito si è osservata perlopiù la prosecuzione di alcune tendenze già in atto dallo scorso anno.

prestiti bancari all’economia regionale si sono ancora espansi, sostenuti sia dall’ulteriore aumento per le imprese sia dalla ripresa dei finanziamenti alle famiglie. La qualità del credito è rimasta pressoché stabile. È continuata l’espansione dei depositi, anche se con un’intensità inferiore.