Mer 8 Dic 2021
spot_img
HomeCronacaReggio Calabria, il sindaco Falcomatà condannato...

Reggio Calabria, il sindaco Falcomatà condannato per abuso d’ufficio

Un anno e 4 mesi di carcere con pena sospesa per abuso d’ufficio. Questa la decisione assunta dal Tribunale di Reggio Calabria, arrivata oggi pomeriggio, per il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. Nei confronti del primo cittadino, scatta la legge Severino appena la sentenza del processo “Miramare” sarà trasmessa alla prefettura.

 

Condannati anche gli altri imputati: gli ex assessori Saverio Anghelone, Armando Neri, Rosanna Maria Nardi, Giuseppe Marino, Giovanni Muraca, Agata Quattrone e Antonino Zimbalatti. Per tutti i giudici hanno stabilito un anno di reclusione per abuso d’ufficio cosi come per l’ex segretario comunale Giovanna Antonia Acquaviva, la dirigente comunale Maria Luisa Spanò, che si occupava del settore “Servizi alle imprese e sviluppo economico”, e l’ex imprenditore Paolo Zagarella. Gli imputati, compreso Falcomatà, sono stati assolti invece dal reato di falso che gli contestava la Procura rappresentata in aula dai sostituti procuratori Walter Ignazitto e Nicola De Caria.

Il tribunale ha condannato, inoltre, gli imputati al pagamento delle spese processuali.