Sab 25 Giu 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàAmbienteAnche in Calabria le zone degradate...

Anche in Calabria le zone degradate rinascono grazie ai murales

La street art o arte di strada, nata come forma di espressione e di protesta che rasentava i confini del vandalismo, è oggi una vera e propria forma d’arte riconosciuta e talvolta incentivata dalle istituzioni.

Il motivo? Grazie ai murales le aree più grigie e degradate delle città, dei quartieri industriali o dei borghi in stato di semi-abbandono possono rinascere dal “basso” e migliorare non solo lo stato dei loro luoghi, ma anche la qualità della vita dei loro abitanti.

Si è conclusa la tappa di Gulìa Urbana a Conflenti (CZ) organizzata in sinergia con l’associazione Libramenti. L’artista spagnolo Slim Safont, conosciuto in Italia grazie alle diverse collaborazioni già realizzate proprio con il progetto itinerante calabrese, ha magistralmente dipinto nel comune del Reventino il murale intitolato “Educazione Guidata”. L’opera è ispirata ad uno scatto dell’artista e ritrae un bambino concentrato nell’atto di disegnare, mentre le mani della madre cercano di porgergli un libro, quasi a volerlo fare desistere dall’atto creativo.

La volontà dell’artista nel rappresentare sul muro questa scena è quella di comunicare quanto, a volte, i mestieri artistici siano considerati minoritari rispetto ad altri, a lasciare intendere che l’arte debba essere solo un hobby e mai un lavoro. Slim Safont sottolinea quanto questa sia una scena molto familiare per lui e per tutti gli artisti che hanno sempre lottato per affermarsi come tali. La riflessione che ci regala lo spagnolo si sposa con un’idea spesso molto radicata nei paesi del meridione riguardo ai lavori considerati meno “sicuri”.

I giorni del progetto hanno visto nascere una nuova collaborazione tra le associazioni Rublanum e Libramenti, realtà che ha già iniziato un percorso di attivismo culturale importantissimo per la crescita del territorio. Con questa tappa è partito, anche, il nuovo laboratorio Rublanum Lab 2022 intitolato “Le mattonelle della creatività”, che ha coinvolto i più piccoli abitanti di Conflenti. Il progetto ha donato grande entusiasmo a Conflenti e l’iniziativa sarà certamente riproposta il prossimo anno.

Gulìa Urbana è la rassegna itinerante dedicata alla street art che coinvolge tutto il territorio della Calabria. Ideata e sviluppata dal collettivo RublanumGulìa Urbana ha portato nel corso degli anni numerosi artisti italiani e internazionali a lavorare su opere murali che hanno arricchito il paesaggio e ampliato gli orizzonti di linguaggio di piccoli centri e borghi della provincia calabrese.

Recuperare aree poco valorizzate, offrire nuovi spunti di riflessione, squarciare il velo verso immaginari altri, anche geograficamente distanti dai luoghi in cui si opera, e promuovere le arti contemporanee, questi i principali obiettivi del progetto Gulìa Urbana, che arrivato al decimo anno di attività continua la sua opera di rifunzionalizzazione e rigenerazione all’interno del tessuto vivo della provincia calabrese.  Per i suoi dieci anni di attività il progetto ha stilato una programmazione importante che sarà svelata nelle prossime settimane.