Gio 11 Ago 2022
spot_img
HomeAttualitàSuccesso per la Calabria a "Linea...

Successo per la Calabria a “Linea Verde Estate” su Rai 1

Da Tropea a San Floro: la costa degli Dei, al centro dell’appuntamento con “Linea Verde Estate”.  Successo di share domenica 26 giugno, alle 12.20 su Rai 1 per il programma condotto da Angela Rafanelli e Peppone Calabrese in Calabria.

Suggestive le immagini del rientro delle piccole barche da pesca, lo sbarco del pesce, la manutenzione delle reti: a Tropea, nella Marina del Vescovado, suggestivi scorci del piccolo borgo dei pescatori, luogo di sogni e memorie. Una fortezza sull’acqua: a Briatico, piccolo borgo marinaresco del Vibonese, il fascino della Rocchetta, torre di avvistamento edificata nel decimo secolo, e del “murenario” di Sant’Irene, antica peschiera romana, sapientemente lavorata dall’uomo e trasformata in un grande vivaio per l’allevamento dei pesci.

La buccia ricca di antocianine, pigmenti naturali antiossidanti che ne determinano il caratteristico colore, una polpa bianca e carnosa: a Briatico la raccolta delle cipolle rosse di Tropea, l’oro rosso della Calabria, un’eccellenza del territorio introdotta dai Fenici oltre 4000 anni fa. Meraviglie della natura: a Tropea, in parasail, sport ricreativo che combina l’adrenalina del paracadutismo con un’escursione in barca, alla scoperta delle bellezze della costa e dei più grandi vulcani del Mediterraneo.

Una tradizione culinaria fusione di famiglie, di culture e di popoli diversi: nel cuore di Tropea, in una caratteristica osteria, i preziosi segreti per la preparazione di una pasta con le cipolle d’eccezione.

L’amata Calabria dell’autore de “Il male oscuro”: a Capo Vaticano, con la figlia Antonia, per rivivere i luoghi dove Giuseppe Berto – nella casa costruita sul promontorio con la vista del mare e dello Stromboli fumante – scrisse il suo celeberrimo capolavoro della letteratura italiana.

Ed ancora tutela dell’ambiente e del paesaggio, crescita del territorio e sviluppo sostenibile: a San Floro, l’ambizioso progetto di un gruppo di ragazzi calabresi, quello di tornare e restare definitivamente in Calabria per dedicarsi all’antica filiera della gelsibachicoltura.

Dalla Calabria al resto d’Italia, per il rilancio e valorizzazione dei grani locali italiani: a San Floro, con nonna Concetta, la storia a lieto fine di Stefano che, nel 2016, riesce a recuperare e avviare il primo “Mulinum” dei contadini nella provincia di Catanzaro.