Mer 10 Ago 2022
spot_img
HomeSanitàRegione-Bambino Gesù, accordo per potenziare la...

Regione-Bambino Gesù, accordo per potenziare la rete pediatrica in Calabria

Potenziare la rete pediatrica regionale della Calabria così da migliorare la capacità di risposta sul territorio, recuperare la fiducia delle famiglie e contenere la migrazione sanitaria, limitandola alle patologie di elevata complessità.

Sono questi gli obiettivi dell’accordo firmato oggi a Roma, presso il Ministero della Salute, dal presidente della Regione Roberto Occhiuto e dalla presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Mariella Enoc, alla presenza del ministro Roberto Speranza.

Nell’ultimo anno sono stati oltre 7500 i bambini calabresi a raggiungere il Bambino Gesù per cure mediche, ma solo il 15% di questi pazienti – poco più di mille – ha avuto fortunatamente bisogno di un ricovero. La stragrande maggioranza delle prestazioni – ovvero 12.049 su 13.195 – ha riguardato visite ambulatoriali, esami diagnostici o day hospital. Per la trasferta a Roma, il viaggio, il vitto, la permanenza, i giorni di lavoro persi, la stima della spesa per le famiglie ammonta complessivamente a circa 5 milioni di euro.

Su questi dati vuole incidere l’accordo, che avrà durata triennale e prevede una serie di attività che verranno realizzate dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con le strutture, gli specialisti e i pediatri della Regione Calabria.

Nel particolare si punterà su cinque “fronti”. Il primo è quello dell’assistenza specialistica ai pazienti pediatrici attraverso l’invio di medici, infermieri e tecnici presso gli ambulatori dell’Università Magna Graecia di Catanzaro.

Gli specialisti del Bambino Gesù programmeranno un’attività settimanale con i colleghi calabresi per le specialità maggiormente coinvolte nel fenomeno della migrazione sanitaria: neurologia, neuropsichiatria, cardiologia, malattie metaboliche, epatogastroenterologia, nefrologia, endocrinologia e diabetologia, reumatologia e allergologia, otorinolaringoiatria, oculistica, ortopedia, urologia, dermatologia, malattie rare e genetica medica