Ven 23 Set 2022
spot_img
HomeCronaca‘Ndrangheta e voto di scambio nel...

‘Ndrangheta e voto di scambio nel Cosentino, ricostruita la nuova mappa dei clan

Nella corposa ordinanza che stamani ha portato all’esecuzione di misure cautelari a carico di oltre 200 persone (di cui 139 in carcere, 50 ai domiciliari e 12 sottoposte a obbligo di dimora) la Dda di Catanzaro ha ricostruito la nuova mappa dei clan cosentini, i loro rapporti con rappresentanti delle istituzioni e le loro attività criminali svolte in un arco temporale compreso fra il 2017 e il 2021. Alla composizione del quadro accusatorio hanno contribuito intercettazioni e rivelazioni di pentiti.

L’accusa con la quale il sindaco di Rende e presidente dell’Anci Calabria Marcello Manna, vicino al centrodestra ma sostenuto da diverse liste civiche alle ultime elezioni, è finito agli arresti domiciliari è di corruzione elettorale. Oltre a lui sono coinvolti nel blitz l’assessore comunale di Rende Pino Munno, e l’assessore alla manutenzione e al decoro urbano del Comune di Cosenza, Francesco De Cicco, componente di una giunta di centrosinistra.

Le misure cautelari sono state eseguite a Cosenza, Rende e in altri centri del Cosentino (Acri, Castrolibero, Celico, Cellara, Luzzi, Marano Principato, Mendicino, Montalto Uffugo, Rogliano, San Benedetto Ullano, San Marco Argentano, San Pietro in Guarano, Spezzano Albanese, Spezzano Sila e Villapiana) oltre che in città di altre regioni: Torino, Milano, Novara, Parma, Agrigento, Napoli, Bellusco (Mb), Sala Consilina e Cavaion Veronese. Al centro dell’inchiesta, in particolare, i clan Patitucci-Porcaro, Presta, Di Puppo-D’Ambrosio e la cosca degli “zingari”.

Dalle indagini che hanno portato all’operazione scattata all’alba di stamane è emerso come attraverso la confederazione tra cosche e l’utilizzo della comune “bacinella” nella quale confluisce il denaro delle attività illecite, nell’area urbane di Cosenza, i clan della criminalità rom capeggiati dalla famiglia Abbruzzese collaborano con gli “italiani”: in particolare con i gruppi Patitucci – Porcaro, Presta, Di Puppo – D’Ambrosio. Scoperta anche la partnership tra la cosca Lanzino – Patitucci e il clan Muto di Cetraro per la gestione di alcune attività imprenditoriali del settore turistico.