Mar 27 Set 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàSan Lorenzo Bellizzi (CS), il brigantaggio...

San Lorenzo Bellizzi (CS), il brigantaggio raccontato con i fumetti di Luca Raimondo

Culture Tour – Arte e mondo rurale presenta un appuntamento dedicato al fenomeno del brigantaggio raccontato con il linguaggio del fumetto. 

Sabato 3 settembre, alle ore 10.30, il Museo degli Antichi Mestieri e dell’Arte Contadina, sito nel centro storico di San Lorenzo Bellizzi, ospiterà l’evento Sangue del tuo sangue – Il brigantaggio in un fumetto di Luca Raimondo, nel corso del quale verrà presentato l’appassionante graphic novel edito da Green Moon Comics.

L’opera vanta una trama avvincente: 1863, Ex Regno delle due Sicilie. Illusi, usati, traditi, abbandonati, uccisi. Tramandati con l’infamia di “Briganti”. Attraverso le vicende dei Montemurro, famiglia di contadini del Sud Italia negli anni immediatamente successivi all’unificazione della penisola italiana, la storia di una classe sociale senza voce che ebbe l’unica colpa di credere a un possibile cambiamento del loro destino di “ultimi”. In una graphic novel di taglio franco/belga che unisce storia e avventura, si consuma la vicenda di due giovani contadini che, tra soldati invasori e carnefici e “galantuomini” arrivisti e senza scrupoli, diventano briganti per amore, per difesa e per vendetta.

Un fumetto che racconta una storia che è Storia, il passato prossimo di una terra che per molti resta ancora sconosciuto o dimenticato. 

All’evento sarà l’autore Luca Raimondo, disegnatore di Dylan Dog tra i più affermati del panorama fumettistico italiano. 

Bio Luca Raimondo

L’autore inizia la sua carriera di disegnatore nel 1995 con la storia breve La zona morta, sceneggiata da Paolo Morales e pubblicata sul settimanale L’Intrepido. Successivamente, nell’ambito di una collaborazione con la Scuola italiana di Comix di Napoli, realizza gli albi Non ti pago e Le voci di dentro, versione illustrata delle omonime commedie di Eduardo De Filippo, pubblicate nella serie Il teatro a fumetti.

Inizia inoltre a lavorare anche per il mercato francese, disegnando sulle riviste BèDè-Adult e BèDè-X dell’editore IPM e collaborando con B&M edizioni. Realizza inoltre le illustrazioni de I tarocchi di Casanova, I tarocchi dell’Olimpo e I tarocchi pagani editi dall’editore Lo Scarabeo di Torino.

A partire dal 2002 lavora con Sergio Bonelli Editore, prima nell’ambito dello staff di Jonathan Steele di Federico Memola e poi per la miniserie Brad Barron, creata da Tito Faraci, di cui disegna tre albi (2003). A partire dal 2005 collabora alla serie Dampyr di Mauro Boselli e Maurizio Colombo.

Nel 2007 illustra due albi della serie Le temps de loups di Christophe Bec, edita da Soleil sul mercato francese.

Nel 2012 su testi di Giovanni Gualdoni realizza una storia per la serie Dylan Dog color fest.

Nel 2014, sempre per il mercato francese, collabora con l’editore Glénat e su sceneggiatura di Mayko disegna i due volumi de Le Kabbaliste de Prague tratto dall’omonimo romanzo di Marek Halter. Nello stesso anno disegna un albo per la nuova serie bonelliana Morgan Lost di Claudio Chiaverotti. Dal 2017 torna al lavoro su “Dylan Dog”.

Alterna la sua attività di autore di fumetti con quella di illustratore con collaborazioni anche con quotidiani nazionali quali “La Gazzetta dello Sport” e “Il Mattino” e con programmi televisivi della Rai, come “Politics” e “La vita in diretta”.