Ven 2 Dic 2022
spot_img
HomeSportCalcioCosenza - Como 3-1. Spettacolo dei...

Cosenza – Como 3-1. Spettacolo dei lupi al San Vito-Marulla

Cosenza – Como

Dopo la sosta per le Nazionali, il campionato cadetto riparte dalla Calabria. Più precisamente da Cosenza dove i padroni di casa ospitano il Como nell’anticipo della settima giornata di campionato. Entrambe le formazioni sono a caccia di punti con i calabresi che non trovano il bottino pieno dalla seconda giornata – contro il Modena -, mentre i lariani sono ancora alla ricerca del primo successo stagionale dopo sei giornate.

Dionigi punta ancora sul 4-2-1 in partenza proponendo una novità in attacco con Nasti alla prima da titolare come unico terminale offensivo. Parte bene il Como che occupa la metà campo rossoblù costruendosi la prima occasione da gol dopo soli due giri d’orologio, Faragò è bravo a trovare lo spazio per la conclusione dal limite dell’area ma la palla termina sul fondo grazie ad una deviazione della retroguardia rossoblù. Il Cosenza risponde con Bresciani che disegna in mezzo al campo facendo salire la squadra. Primi minuti e gioco subito fermo per uno scontro in area tra Ghidotti e Rispoli. il difensore rossoblù ha la peggio ed è costretto ad uscire lasciando spazio a Martino.

Uno due Cosenza

Dopo un avvio sprizzate del Como che prova a mettere in difficoltà la formazione di casa con un baricentro alto, il Cosenza – in pochi minuti – mette a segno un uno due fulminante. poco dopo la mezz’ora Martino mette in mezzo per Merola, la palla schizza ma rimane utile per D’Urso che incrocia trovando il primo gol stagionale. Pochi minuti dopo e tocca a Rigione sfruttare una punizione di Brignola per firmare il due a zero.

Primo tempo frenetico con il Como che riesce ad accorciare grazie all’azione in solitaria di Vignali che supera in velocità Merola e trova tanto spazio davanti a se prima di concludere a rete trovando un impreciso Matosevic che si fa sorprendere sul proprio palo. Il Como prende fiducia e prova a ristabilire la parità con un bolide di Cagnano dalla grande distanza, questa volta Matosevic riesce a deviare in angolo. In chiusura di primo tempo è ancora il Cosenza che vuole riportarsi sul doppio vantaggio. Contropiede veloce e palla dentro per Bresciani che viene messo giù in maniera regolare secondo il direttore di gara.

Secondo tempo

In avvio di ripresa Mancuso si inserisce bene tra le maglie rossoblù sfidando Matosevic in un uno contro uno, questa volta il pipelet del Cosenza si supera non facendosi ingannare dalla deviazione di Rigione. Il Cosenza – con due difensori al posto di Merola e Brignola -rimane molto basso nel secondo tempo preferendo un gioco di ripartenza. Il Como prova ad approfittarne per ristabilire la parità ma la difesa del Cosenza sembra reggere all’avanzata dei lariani. Rigione, di carattere, si prende qualche rischio per chiudere in scivolata lo specchio della porta a Blanco riuscendo a mantenere invariato il risultato.

Como in dieci e gol Cosenza

Il Cosenza continua a coprirsi e giocare in ripartenza, sfruttando gli spazi lasciati dagli ospiti. Vallocchia parte in velocità costringendo al secondo intervento Binks che deve – per doppia ammonizione – abbandonare il campo prima dei 90′ canonici. Cambia, dunque, la partita con il Cosenza che rialza il proprio baricentro riuscendo a trovare anche la rete del 3-1 con Meroni lasciato libero di colpire sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Nel finale di gara Parigini prova ad accorciare le distanze sfruttando un’uscita maldestra di Matosevic ma la traversa gli nega la gioia del gol. Il Cosenza allunga nel primo tempo con l’uno due travolgente firmato da D’Urso, prima, e Rigione, poi. Vignali la riapre allo scadere del primo tempo e nella ripresa il Como prova a superare il numero eretto dai rossoblù  nel secondo tempo senza fortuna prima di rimanere in dieci – per la doppia ammonizione di Binks – e subire il definitivo 3-1 di Meroni.


Cosenza (4-2-3-1): Matosevic; Rispoli, Rigione, Venturi, Panico; Brescianini, Voca; Merola, D’Urso, Brignola; Nasti

Panchina: Marson; Calò; Kornvig; Larrivey; Meroni; Camigliano; Vallocchia; Gozzi; Martino; Sidibe; Butic; Zilli

Allenatore: Davide Dionigi

Como (4-3-1-2): Ghidotti; Cagnano, Binks, Scaglia, Vignali; Blanco, Baselli, Faragò; Fabregas; Cutrone, Mancuso

Panchina: Vigorito; Da Riva; Iovine; Chajia; Gabrielloni; Parigini; Solini; Arrigoni; Celeghin; Odenthal; Cerri; Delli Carri

Allenatore: Moreno Longo

Arbitro: Sig. Ivano Pezzuto di Lecce

Assistenti: Sig. Luca Mondin di Treviso e Sig. Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore

IV Uomo: Sig. Luca Angelucci di Foligno

VAR: Sig. Daniele Doveri di Roma 1 e Sig. Giacomo Paganessi di Bergamo (aVAR)

Marcatori: D’Urso (COS); Rigione (COS); Vignali (COM)

Sostituzioni: Martino per Rispoli (COS); Vallocchia per Brignola (COS); Meroni per Merola (COS); Cerri per Mancuso (COM); Butic per D’Urso (COS); Gozzi per Panico (COS); Da Riva per Blanco (COM); Chajia per Faragò (COM); Parigini per Cangano (COM); Gabrielloni per Cutrone (COM);

Ammoniti: Voca (COS); Venturi (COS); Binks (COM); Dionigi (COS); Fabregas (COM); Nasti (COS);

Espulsi: Binks (COM);

Recupero: 2’ p.t.; 4’ s.t.