Gio 8 Dic 2022
spot_img
HomePoliticaOcchiuto: «Il Reddito di cittadinanza? In...

Occhiuto: «Il Reddito di cittadinanza? In questo momento non si può cancellare»

Il governo tira dritto sullo stop al reddito di cittadinanza. Ma la prospettiva di una stretta – confermata ieri nella riunione di maggioranza con il premier Giorgia Meloni – apre il dibattito all’interno dello stesso centrodestra.

Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria ed esponente di spicco di Forza Italia, non nasconde le sue perplessità di fronte all’ipotesi di cancellare il sussidio tra sei mesi a chi è ritenuto ‘occupabile’. Almeno in questo momento storico, caratterizzato da una difficilissima congiuntura economica.

“La Calabria – dice Occhiuto, intervistato dall’Adnkronos – è una Regione con uno dei tassi più alti di povertà assoluta. Per questo motivo, il reddito di cittadinanza, nella parte che riguarda il contrasto alla povertà, è una misura che in un periodo come questo non si può cancellare”.

Tra caro energia, inflazione alle stelle e venti di recessione che soffiano forte sul Belpaese, secondo il governatore azzurro toccare una misura di sostegno per le fasce più indigenti può rappresentare un rischio: “Il reddito – sottolinea Occhiuto – si può migliorare, come dice giustamente il presidente Meloni, nella parte che riguarda l’accompagnamento al lavoro. Però, prima di attuare una stretta, sarebbe preferibile intervenire sulle politiche attive, sugli strumenti per incrociare domanda e offerta, per rendere ancor più sostenibile la volontà ineccepibile del governo di migliorare uno strumento che ha dimostrato di non funzionare”.

In sintesi, per il presidente della Regione Calabria “è giusto” rivedere il reddito, come l’esecutivo intende fare, “ma – si interroga ancora l’esponente forzista – mi chiedo se il tempo sia quello opportuno. Alcuni obiettivi che il governo vuole giustamente conseguire si possono rimandare a mesi nei quali la situazione economica è più tranquilla”.

«Nessun pregiudizio sull’autonomia differenziata. Ma vi spiego cosa non va nella bozza Calderoli»

“Nessun pregiudizio sull’autonomia differenziata. Ma vi spiego cosa non va nella bozza Calderoli”. Parlando con l’Adnkronos, all’indomani della riunione di maggioranza sul ddl fortemente voluto dalla Lega, il governatore calabrese Roberto Occhiuto, esponente di Forza Italia, si fa portavoce delle istanze del Sud, che guarda con preoccupazione al progetto di autonomia differenziata caldeggiato dal Carroccio.

“Ho detto a Calderoli che da parte mia non c’è nessun pregiudizio sull’autonomia differenziata, che può rappresentare un’occasione sviluppo anche per il Sud. Ho fatto al ministro l’esempio dell’energia: siccome la Calabria produce molta più energia di quella che consuma, questo rappresenterebbe un vantaggio importante per i cittadini calabresi, che oggi invece pagano le loro bollette quanto i veneti e i lombardi che invece producono meno energia”, osserva il governatore.

“Quello che però non funziona nella bozza Calderoli è il finanziamento dei diritti sociali e civili secondo l’ingiusto criterio della spesa storica”, prosegue l’azzurro, che spiega: “La Costituzione dice che i diritti vanno garantiti a tutti a prescindere dal luogo in cui si nasce. Oggi non è così perché *non* c’è il finanziamento di questi diritti secondo i fabbisogni e soprattutto non ha mai funzionato compiutamente la perequazione.

Quindi – insiste – occorre attuare la Costituzione prima nella parte dei diritti e poi nella parte che riguarda le possibilità offerte alle Regioni dall’autonomia differenziata”.

Occhiuto si dice comunque fiducioso: “Credo che Calderoli si sia fatto carico di queste obiezioni. Mi risulta che nella riunione di maggioranza di ieri si sia deciso di accelerare proprio sull’attività che riguarda i Lep (i Livelli essenziali di prestazione, ndr), così come chiedono le Regioni del Mezzogiorno”. Intanto Fdi chiede di lavorare parallelamente anche alla riforma del presidenzialismo.

“Rispetto la posizione di Fdi, la comprendo, però il presidenzialismo è una riforma della Costituzione, non è l’attuazione della Costituzione, dunque richiede più tempo. Sarebbe ragionevole intanto attuare la Costituzione che abbiamo e poi modificarla con il presidenzialismo”, chiosa il presidente calabrese.