Mar 7 Feb 2023
spot_img
HomeSportCalcioModena - Cosenza 2-0, un'altra amara...

Modena – Cosenza 2-0, un’altra amara sconfitta per i lupi

Primo tempo che vede i portieri di Modena e Cosenza da spettatori in una gara bloccata a centrocampo. Nei primi 45’ di gioco solo una conclusione, debole, per parte allo scadere della prima frazione di gioco. Un buon Cosenza fa girare palla nel tentativo di creare i giusti spazi sulle corsie e sfruttare le due punte di peso, Finotto e Zilli, schierate dal primo minuto. Il gioco espresso dal Cosenza convince, ma ancora manca quella qualità nell’ultimo passaggio che si cerca di migliorare da inizio stagione.

Florenzi prova a mettersi in proprio in più occasioni trovando anche lo spazio giusto – sfruttando la sua velocità – mandando in confusione la corsia destra del Modena in difficoltà nel prendere le misure sul centrocampista rossoblù. Sgroppate che, però, non trovano un nulla di fatto in avanti per la poca cattiveria in area di rigore e che si riducono, dunque, ad eleganti giocate fine a sé stesse. Si fa vedere anche il Modena che prova a costruire qualcosa sbattendo, però, contro la retroguardia dei calabresi, ben messi in campo, che concedono poco se non qualche cross dalla lunga distanza e un tiro di Tremolada, quasi allo scadere del primo tempo, bloccato senza tante difficoltà da Micai, che fa registrare la prima conclusione dei canarini. Anche Gagno, pipelet del Modena, viene impegnato solo sul finale da una conclusione ad incrociare di Finotto sul quale il numero uno gialloblù riesce ad intervenire e ad allontanare il pericolo Cortinovis che aveva già preso posizione per correggere la traiettoria in porta.

Si apre su un registro diverso il secondo tempo. Nei primi cinque minuti due grandi occasioni, una per parte: Finotto svetta bene in area ma non riesce a deviare verso la porta; altra storia per Diaw che riesce – su ribaltamento di fronte – ad impattare la palla che, però, scheggia la traversa e si spegne sul fondo. Si alzano i ritmi del Modena in avvio di secondo tempo e il Cosenza non riesce ad uscire dalla propria metà campo pèalla al piede.

Prime vere occasioni della partita

Arriva a poco più dell’ora di gioco la prima vera occasione della partita ed è per il Cosenza che sugli sviluppi di un calcio di punizione – battuto da Florenzi – trova con Meroni una deviazione che per poco non sorprende Gagno, sul tap-in è ancora Meroni che spreca clamorosamente a due passi dalla porta calciando sulla tibia del portiere gialloblù ancora steso a terra. Azione che prosegue in maniera confusa e termina con l’intervento dell’arbitro che ravvisa una carica al portiere. Grande occasione per il Cosenza che ancora una volta non riesce a dimostrare la giusta cattiveria sottoporta.

Prova a rispondere immediatamente il Modena con un contropiede veloce e Bonfanti che ha tutto il tempo per sistemare la palla per la conclusione ma anche lui sbaglia clamorosamente spedendo di un soffio fuori.

Blackout Cosenza

Momento di sofferenza per il Cosenza che nel finale subisce la manovra fluida di un Modena dal volto diverso dopo i cambi fatti da Tesser. A dieci dalla fine altra buona occasione per il Modena che riesce ad arrivare alla conclusione deviata in angolo dal buon intervento in extremis di Martino. Continua l’assalto dei padroni di casa che sfrutta anche il baricentro basso del Cosenza, troppo intimorito nell’ultimo quarto d’ora di gioco.

Partita vinta con i cambi. Tessere cambia il reparto offensivo gialloblù e mette in mostra un volto totalmente della squadra. Cambia anche il Cosenza, ma in negativo; baricentro basso, tanta imprecisione e poche occasioni create in ripartenza galvanizzano la formazione di casa che in meno di due minuti rifila un uno due fulminante ai danni dei calabresi. Gerli sfrutta un buco nella difesa rossoblù per prendere più campo possibile e sorprendere Micai sul primo palo, poi è Giovannini che mette la parola fine al match con una conclusione secca deviata da Vaisanen che manda fuori casa Micai, battuto per la seconda volta.

Ancora poca qualità negli ultimi metri per il Cosenza che avrà tanto lavoro da fare in campo – e sul mercato – nel tentativo di proseguire la corsa salvezza che si fa sempre più difficile.


Modena: Gagno; Oukhadda, Pergreffi, Cittadini, Renzetti dal 93’ Coppolaro; Armellino (dall’80’ Magnino), Gerli, Gargiulo; Tremolada (dal 60’ Bonfanti); Falcinelli (dal 60’ Strizzolo), Diaw (dal 60’ Giovannini)

Panchina: Seculin, Magnino, Duca, Mosti, Bonfanti, Silvestri, Giovannini, Poli, De Maio, Strizzolo, Panada, Coppolaro

Allenatore: Attilio Tesser

Cosenza: Micai; Rispoli (dall’80 Rigione), Vaisanen, Meroni, La Vardera (dal 66’ Martino); Brescianini, Voca, Florenzi; Cortinovis (dal 74’ Brignola); Zilli (dal 66’ Larrivey), Finotto (dal 74’ D’Urso)

Panchina: Marson, Lai, Rigione, Venturi, Martino, Prestianni, Kornvig, Brignola, Marras, Merola, D’Urso, Larrivey

Allenatore: William Viali

Arbitro: Sig. Ermano Feliciani di Teramo

Assistenti: Sig. Fabio Schirru di Nichelino e Sig. Marco Ricci di Firenze

IV Uomo: Sig. Mattia Pascarella di Nocera Inferiore

VAR: Sig. Gianluca Manganiello di Pinerolo e Sig. Stefano Liberti di Pisa (aVAR)

Marcatori: Gerli (MOD); Giovannini (MOD);

Ammoniti: Diaw (MOD); Renzetti (MOD); La Vardera (COS); Martino (COS); Voca (COS);

Espulsi:

Recupero: 0’ p.t.; 5’ s.t.