Ven 18 Giu 2021
Advertising
Home Sanità Catanzaro: gardenia ed ortensia, per le...

Catanzaro: gardenia ed ortensia, per le donne con sclerosi multipla

Prende il via nella Giornata della donna e prosegue per tutto il weekend “Bentornata gardensia“, la campagna dell’Associazione italiana sclerosi multipla per raccoglie fondi a sostegno della ricerca su questa malattia.Venerdì 8, sabato 9 domenica 10 marzo i volontari dell’Aism Sezione Provinciale Catanzaro scenderanno in piazza nei seguenti comuni: Carlopoli- Chiaravalle Centrale- Conflenti- Montauro- Motta S.Lucia- Soveria Mannelli-Decollatura- Lamezia Terme- Catanzaro- Settingiano- Torre di Ruggero- Valle Fiorita- Simeri Crichi- Catanzaro Lido- Soverato – Tiriolo- Feroleto- Serrastretta- Marcellinara- Davoli- San Pietro Apostolo- Santa Caterina Dello Ionio- Sellia Marina- Botricello- Falerna- Gizzeria-Curinga.

Sono quasi trenta le piazze della provincia di Catanzaro in cui saranno presenti i banchetti. Con una donazione di 15 euro si potrà ricevere una pianta di gardenia o di ortensia. Quest’anno la campagna sostiene le attività rivolte alle donne, in particolare il progetto per le giovani mamme e i bambini, nato dalla collaborazione con l’Associazione Trenta Ore per la Vita. La sclerosi multipla, del resto, colpisce molto più le donne rispetto agli uomini: ogni giorno in Italia sei donne ricevono la diagnosi di questa malattia.

In Italia sono circa 118.000 le persone con la sclerosi multipla, metà dei quali sono giovani sotto i 40 anni. Tipicamente, infatti, la sclerosi multipla si manifesta tra i 20 e i 30 anni, dunque in un’età cruciale, in cui nascono i progetti di vita e professionali. Le cause della sclerosi multipla sono ancora sconosciute e non esiste una cura, ma i progressi della ricerca scientifica hanno portato a terapie e trattamenti ormai in grado di rallentare il decorso della malattia e migliorare la qualità di vita di chi ne è colpito. L’Aism insieme alla sua Fondazione, da 50 anni si occupa di sclerosi multipla, indirizzando, sostenendo e promuovendo la ricerca scientifica, dando supporto ai bisogni delle persone, promuovendo servizi necessari per assicurare una migliore qualità di vita e affermando i loro diritti.