Nuovo Ospedale di Cosenza, l’approvazione del consiglio comunale

10
nuovo ospedale cosenza consiglio comunale individua il sito
nuovo ospedale cosenza consiglio comunale individua il sito

Il Consiglio comunale, nella seduta di oggi, ha anche approvato un documento, proposto dai consiglieri Marco Ambrogio, Giovanni Cipparrone, Giuseppe Spadafora, Pasquale Sconosciuto e Francesco Cito, relativo alla realizzazione del Nuovo Ospedale di Cosenza. Nel documento, approvato con il voto favorevole di 17 consiglieri e quello contrario di tre consiglieri, si legge che “il Consiglio comunale, nel rispetto delle proprie competenze e prerogative, indica, quale zona dove costruire il nuovo presidio ospedaliero della città di Cosenza, l’area compresa tra viale della Repubblica e contrada Muio Piccolo, così come già indicata nel Piano Regolatore Comunale vigente e nel Piano Strutturale comunale in via di adozione”. Nel documento si dà mandato al Sindaco e all’Amministrazione comunale di comunicare tale decisione agli organi regionali competenti che, a più riprese, hanno assicurato la concreta esistenza di un finanziamento ad hoc per la realizzazione dell’opera. Inoltre si chiede al Sindaco “di voler sottoporre alla Gestione Commissariale per la Sanità in Calabria l’urgente necessità che, nell’attesa di realizzare la nuova struttura ospedaliera, siano messe in atto, immediatamente, tutte le scelte possibili e necessarie affinché possano essere realizzate: una migliore organizzazione del servizio, la ristrutturazione qualitativa e quantitativa dei servizi di pronto soccorso, l’incremento del personale medico e paramedico, la costruzione di una efficace ed efficiente rete territoriale, l’abbattimento delle liste di attesa e la diminuzione della migrazione sanitaria”. Prima della votazione sul documento è intervenuto il Sindaco Mario Occhiuto. “E’ nota – ha detto il primo cittadino – la mia posizione e quella di tanti altri consiglieri che hanno valutato la migliore allocazione del nuovo Ospedale. Il piano regolatore – ha aggiunto Occhiuto – prevede già il sito, così come il nuovo piano strutturale prevede l’estensione dell’attuale sito fino al Mariano Santo. La Regione non ha voluto accogliere la nostra proposta e anzi – non volevo neanche accennarlo – da una lettura delle intercettazioni diffuse in questi giorni dagli organi di stampa, emergono manovre di ogni genere, mentre noi abbiamo chiesto finanziamenti ed opere, esclusivamente per il bene della città di Cosenza.

Non solo non è stata accolta la nostra interlocuzione, ma si è fatto di tutto per farci sfiduciare”.

Il Sindaco Occhiuto è categorico: “abbiamo perso 5 anni per uno studio di fattibilità fasullo. Se fossi il Presidente della Regione, aprirei a tutti i sindaci, non bloccherei nulla. In queste indagini noi siamo la parte offesa; dico noi perché non è solo il Sindaco ad essere parte offesa, ma anche i cittadini e il Consiglio comunale. Noi andiamo avanti con la nostra idea. La città non può consentire che una zona ospedaliera che fa parte di un centro urbanizzato, in un momento in cui si parla di rigenerazione e di riqualificazione del tessuto urbano, venga penalizzata dall’avallo a politiche urbanistiche di altro tipo. Stiamo lavorando per la ricucitura urbanistica. Non dobbiamo andare a costruire altre periferie degradate, né svuotare altri pezzi di città. La nostra idea rimane sempre quella che abbiamo in tante occasioni chiarito. Se avrò l’onore di guidare la Regione, la prima cosa che farò sarà l’ospedale di Cosenza,insieme a quelli delle altre città. Pertanto, non abbiamo interesse ad interloquire con l’attuale Amministrazione regionale”.

Prima del Sindaco Occhiuto erano intervenuti i consiglieri comunali Marco Ambrogio, Francesco Cito, Giovanni Cipparrone, Carmelo Salerno, Annalisa Apicella, Bianca Rende, Andrea Falbo e Francesca Cassano.

“La discussione sul nuovo Ospedale non più è più procrastinabile – ha detto il consigliere Marco Ambrogio.  Il Consiglio comunale deve fare chiarezza su dove dovrà nascere il nuovo Ospedale. Si è giocato sulla salute dei cittadini e non possiamo più permettere che questo accada. Il Consiglio – ha aggiunto Ambrogio –  deve decidere. Abbiamo individuato il sito e ci atteniamo al Piano regolatore generale e al Piano strutturale comunale. Se i due strumenti prevedono la costruzione del nuovo Ospedale dove risiede l’Annunziata, il nuovo Ospedale dovrà nascere lì. Il peggiore dei mali è decidere di non decidere. Il nuovo Ospedale deve sorgere dove prevede il Piano urbanistico.”

Il consigliere Francesco Cito ha evidenziato che “la priorità nella sanità non è solo la realizzazione del nuovo ospedale, ma anche le difficoltà creata dalla chiusura di interi ospedali e reparti nella provincia, l’insufficiente numero di prestazioni sanitarie sul territorio che costringono i pazienti ad aspettare tanto tempo per poterle effettuare”. Tra le altre criticità Cito ha inoltre elencato l’afflusso di codici bianchi e verdi in pronto soccorso, la carenza del personale medico e paramedico ed il loro carico di lavoro insostenibile, mentre si attende la “quota cento” e lo sblocco delle assunzioni. Cito ha inoltre parlato di “livelli essenziali di assistenza che ormai tutti gli indicatori danno come non rispettati e ciò nonostante il continuo aumento della tassazione sanitaria”. Cito ha, infine, chiesto al Consiglio comunale di proporre alla Struttura commissariale regionale adeguati investimenti nel sistema sanitario provinciale di Cosenza e, in particolare, nell’azienda ospedaliera di Cosenza per implementare il personale sanitario e l’acquisto di nuove ed avanzate attrezzature per garantire prestazioni in linea con gli standard nazionali. Per spiegare meglio le difficoltà degli operatori all’interno delle strutture sanitarie, in particolare negli ospedali, Cito ha letto in Consiglio una lettera di un primario che ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico.

Subito dopo ha preso la parola il consigliere Giovanni Cipparrone che esprimendo apprezzamento per l’iniziativa del gruppo di consiglieri che ha elaborato il documento, poi approvato dal Consiglio, ha sottolineato che “noi facciamo politica per il bene dei cittadini, senza chiedere nulla. Abbiamo discusso anche a muso duro, ma ci siamo confrontati e oggi i fatti ci danno ragione. Non abbiamo permesso che si discutesse per fare campagna elettorale. Se veramente i fondi ci sono, si mettano in moto i meccanismi conseguenti. Impediamo così che si addivenga ad altre soluzioni. Oggi consegniamo questo documento alla Regione Calabria, affinché l’ospedale possa essere realizzato nel più breve tempo possibile”.

Nessuna difficoltà a votare il documento è stata espressa dal consigliere Carmelo Salerno, che ha ravvisato nel suo contenuto quanto già scritto nelle linee programmatiche approvate a suo tempo dal Consiglio. “Sarei curioso di capire se  c’è stato un confronto tra le istituzioni e comprendere quali ulteriori step ne sono seguiti”. Prima di chiudere il suo intervento, Carmelo Salerno ha espresso un grande plauso all’indirizzo degli altri colleghi consiglieri per aver riportato il tema in discussione.

Sulla stessa lunghezza d’onda la consigliera Annalisa Apicella, favorevole alla soluzione individuata dall’Amministrazione comunale che “contribuisce a riqualificare una zona che rimarrebbe altrimenti priva delle sue funzioni. Si realizzi il nuovo Ospedale con il giardino fiorito che tutti noi avevamo immaginato”.

Nel successivo intervento la consigliera Bianca Rende ha rimarcato come il tema della realizzazione del nuovo Ospedale non possa essere strumentalizzato a fini elettoralistici. “Questo – ha detto Rende – crea tristezza e imbarazzo per la salute dei cosentini. Abbiamo provato ad arrivare ad una soluzione condivisa. Se un errore è stato fatto, è stato quello di rispettare la funzione del Sindaco e del civico consesso.  Si è, invece, preferito discutere su altro e dare precedenza ad altre priorità. Ora non  possiamo che ribadire l’urgenza della costruzione del nuovo ospedale. Cosenza non può più aspettare. Prima ancora dello studio di fattibilità, abbiamo indicato come migliore localizzazione quella baricentrica tra Cosenza e Rende, ferma restando la più agevole accessibilità. Per noi il luogo ideale dove far nascere il nuovo Ospedale è la zona di Vaglio Lise”. E, nel chiudere il suo intervento, ha preannunciato il suo   voto contrario.

Voto favorevole è stato preannunciato, invece, dal consigliere Andrea Falbo che si è interrogato sull’avvio di una interlocuzione tra il Comune e la Regione.

A chiudere la serie degli interventi sull’argomento Ospedale, la consigliera Francesca Cassano. “Era stato dato mandato al Sindaco di parlare con il Presidente Oliverio – ha esordito. Ad oggi non abbiamo notizia di una interlocuzione che poteva portare ad una soluzione condivisa. Bisogna mantenere i nervi saldi e fare una discussione sui temi principali, al di là delle appartenenze politiche – ha aggiunto Cassano – e portare avanti un discorso che sia dettato dal buon senso. Sull’argomento sono state fatte una serie di riunioni e tavoli tecnici in cui si è avuto modo di confrontarsi. In una commissione consiliare ad hoc sono stati sviscerati i parametri tecnici. E per noi, dal punto di vista tecnico, la sede migliore è Vaglio Lise, senza depauperare il centro storico, dando vita alla cittadella della salute.

E’ importante – ha detto Cassano – che non si fermi il dialogo a livello istituzionale.

Anche perché le risorse ci sono ed è importante realizzarlo nel più breve tempo possibile”.

Pubblicità