Home Costume & Società Morano Calabro, scienziati Unical e della...

Morano Calabro, scienziati Unical e della Southern California alla ricerca del segreto della longevità

Nella giornata del 30 settembre una troupe televisiva di New York guidata dal regista Barry Brown (famoso per avere a lungo collaborato con Spike Lee) che sta girando un documentario sulla longevità nel mondo si è recata a Morano per conosce i centenari presenti a Morano. 

Con loro era presente un gruppo di scienziati, comprendente Valter Longo dell’Università della Southern California, Giuseppe Passarino e Alberto Montesanto dell’Università della Calabria che studiano da anni le motivazioni genetiche ed ambientali della longevità. L’interesse verso i centenari di Morano degli scienziati e della troupe televisiva è dovuto al fatto che da negli ultimi mesi cinque soggetti di Morano Calabro hanno compiuto 100 anni. Un fatto assolutamente straordinario che, se verrà mantenuto nei prossimi anni, potrebbe indicare Morano come una nuova Zona Blu, come vengono indicate le zone di eccezionale longevità. 

Dagli incontri con i centenari ancora in vita (una è deceduta da poco) è emerso che i centenari hanno diversi legami di parentela tra di loro ed hanno tutti avuto una dura vita da contadini, confermando le teorie che fattori genetici ed ambientali debbono incontrarsi per raggiungere età così avanzate. Tra i fattori ambientali, infatti, una dieta povera di proteine animali nell’età tra i 40 ed i 70 anni sembra oramai chiaramente essere essenziale per una longevità in buona salute. Non sono mancati, nel corso degli incontri con i quattro centenari (Biagio Di Luca, Maria Concetta Ferraro, Bettina Mainieri, Carmela Scutillo) momenti di tenerezza, per i ricordi che essi hanno raccontato, soprattutto ricordando i loro cari che non ci sono più.

Nel corso della giornata, grazie alla disponibilità del Sindaco Nicolò De Bartolo e dell’Assessore Giuseppe Feoli, sono state girate anche alcune scene del documentario nell’ufficio dell’anagrafe. C’è grande interesse infatti per l’efficiente sistema di anagrafe italiana che, a parte la Scandinavia, non ha uguali al mondo e permette di stabilire con certezza l’età di ciascun cittadino.