Ven 7 Ott 2022
spot_img
HomeRUBRICHEAvvia il Tuo Piano BNuove imprese a tasso zero: ampliata...

Nuove imprese a tasso zero: ampliata platea dei beneficiari delle agevolazioni

Rubrica “AVVIA IL TUO PIANO B”

a cura di Anna Infante, Piano B Event Project Management

Nuove imprese a tasso zero è un’agevolazione gestita da Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’imprese, ed è destinata ai giovani dai 18 ai 35 anni e alle donne di ogni età che hanno intenzione di intraprendere un percorso di autoimprenditorialità in tutta Italia.

Il Decreto Crescita approvato in via definitiva nel mese di giugno 2019 ha introdotto importanti novità. Le modifiche riguardano, in particolare, la durata massima del mutuo agevolato a tasso pari a zero da 8 a 10 anni; aumento del termine per fruire dell’agevolazione da 12 a 60 mesi dalla costituzione; la percentuale di copertura delle spese passa dal 75 al 90 per le imprese costituite da almeno 36 mesi  e non oltre 60 mesi, con possibilità di spesa fino a 3 milioni di euro, mentre resta il limite di spesa ad 1,5 milioni di euro per tutte le altre; le agevolazioni possono essere cumulate con altri aiuti di Stato anche de minims, nei limiti previsti dalla disciplina europea in materia di aiuti di Stato.

Le nuove disposizioni riguardano anche le imprese di più recente costituzione, con servizi di tutoraggio e copertura dei costi iniziali di gestione, purché non superiore alla soglia del 20% del totale delle spese ammissibili.

Per accedere alle agevolazioni è necessario essere in possesso di particolari requisiti: micro e piccole imprese in forma di società (comprese le cooperative), la cui compagine societaria è composta, per oltre la metà dei soci e di quote di partecipazione, da giovani tra 18 e 35 anni o da donne (di qualsiasi età). Possono richiedere i finanziamenti anche le persone fisiche, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni. Sono ammissibili alle agevolazioni (sotto forma di finanziamenti a tasso zero) le iniziative che prevedono programmi di investimento relativi ai seguenti settori:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • commercio di beni e servizi;
  • turismo;
  • filiera turistico-culturale, intesa come attività per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché per il miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza;
  • innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali.

In base al settore di appartenenza, viene stabilito un limite massimo delle spese ammissibili nei seguenti ambiti:

  • terreno;
  • opere murarie;
  • impianti, macchinari, attrezzature;
  • brevetti, licenze, marchi;
  • servizi ICT;
  • formazione consulenze;
  • programmi informatici.

I programmi di investimento devono essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di cofinanziamento; le imprese di nuova costituzione hanno obbligo di costituirsi entro 45 giorni.

Le domande di agevolazione devono essere presentate esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia.  L’iter istruttorio si compone di una verifica formale sulla sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni e di un esame di merito, che comprende anche un colloquio obbligatorio con i proponenti finalizzato ad approfondire tutti gli aspetti del piano d’impresa presentato.

I dati aggiornati all’1 ottobre 2019 presentano un dato interessate: sono state concesse agevolazioni per 108 milioni di euro, pari a 495 iniziative finanziate per un investimento complessivo attivato di 159 milioni di euro e creazione di 2544 nuovi posti di lavoro.

Per maggiori info puoi contattare Piano B Event Project Management scrivendo a: anna.infante@pianob.eu