Lamezia Terme, Centro Neurogenetica a rischio chiusura

29

BASTA con la politica dei tagli, la ricerca è un investimento produttivo, non una voce di spesa da tagliare. Bisogna dare risorse adeguate al Centro di neurogenetica di Lamezia Terme (Catanzaro) e sottrarlo dalle logiche ragionieristiche attuate, in questi anni, dai Commissari Straordinari. Questa la denuncia e l’appello al Governo Conte e ai ministri Fioramonti e Speranza da parte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu 

“Il centro di ricerca – sottolinea Francesco Esposito – è un’eccellenza riconosciuta nel mondo per lo studio delle demenze degenerative, in particolare sulla malattia di Alzheimer. Uno degli obiettivi più noti della neurogenetica calabrese è stato quello di essere stato uno dei primi centri  ad individuare i meccanismi genetici e di familiarità  a cui è legata la patologia di Alzheimer. È bene ricordare che questa malattia solo in Italia colpisce 600mila persone e che cresce con l’invecchiamento della popolazione”.

“I fondi necessari previsti da una legge regionale – spiega il segretario nazionale Fismu – dal 2010, a causa dei commissariamenti della sanità regionale, sono stati fortemente ridotti. Il che sta portando alla chiusura delle attività di investigazione, trasformando uno dei poli internazionali di ricerca, in un semplice centro di assistenza. Si assegnino adeguati stanziamenti per uscire da questo scempio: la comunità scientifica mondiale ci guarda. Non solo, si preveda anche autonomia organizzativa e gestionale per evitare che ci si possa ritrovare in un’analoga situazione nel futuro. Facciamo appello al Governo Conte e ai ministri Speranza e Fioramonti”.