Serie BKT: Cosenza beffato

cosenza-crotone-calcio-beffato-goal
Pubblicità

Cosenza – Crotone  0-1

Un derby tutto da vivere quello di stasera andato in scena allo stadio “San Vito/Gigi Marulla” che ha visto come protagoniste le due formazioni rossoblu calabresi: Cosenza e Crotone. L’amicizia e il rispetto che lega le due squadre e le tifoserie  ha fatto, come sempre, da splendida cornice per una partita delicatissima per entrambe le formazioni che scenderanno questa sera in campo. Da un lato, infatti, i padroni di casa, dopo la sconfitta di Castellammare, erano chiamati a ritrovare i tre punti, fondamentali per limitare al minimo il distacco in classifica soprattutto in vista delle prossime sfide; dall’altra un Crotone che, continuando la striscia positiva delle ultime tre partite, ha avuto la possibilità di consolidare il terzo posto e allungare sulle dirette inseguitrici.

I Lupi partono bene nei primi minuti riuscendo a mettere in difficoltà il Crotone. Subito un’occasione per Riviére, che si gira bene al centro dell’area, ma trova uno strepitoso Cordaz pronto a toccare la palla tanto quanto basta per deviare sul palo. Passano poco più di due minuti e gli ospiti, sfruttano al meglio una punizione dalla tre quarti, riescono a portandosi in vantaggio con Messias. Il Cosenza riesce a tornare in partita solo dopo la mezz’ora provando a spingere sulle fasce con D’Orazio e Baez, autore di una ghiotta occasione in chiusura di primo tempo, divorandosi il pari.

In avvio di ripresa la formazione di casa si rende nuovamente pericolosa con Riviére che “svirgola” il pallone a pochi metri dalla porta. Il Crotone prova a riversarsi in avanti provando a sfruttare la poca lucidità della difesa del Cosenza che colleziona un errore dietro l’altro non riuscendo a trovare il gol del raddoppio. Il Cosenza non molla e prova con Sciaudone a ristabilire la parità, spedendo la palla in rete, ma il guardalinee non convalida il gol del pari. Partita infiammata sia sugli spalti che in mezzo al campo. Derby al cardiopalma, da sottolineare la pessima prestazione della terna arbitrale incapace di gestire pa partita. Dopo cinque minuti di recupero l’arbitro fischia la fine dell’incontro.

Derby condito da troppi errori arbitrali, che rovinano il tanto atteso derby rossoblu.


 

Cosenza: Perina; Idda; Monaco; Leggittimo; Baez; Bruccini; Kanouté; Broh; D’Orazio; Rivieré; Machach

Panchina: Saracco; Corsi; Bittante; Capela; Corsi; Schiavi; Sciaudone; Greco; Carretta; Trovato; Asencio; Pierini

Allenatore: Piero Braglia

Crotone: Cordaz; Giglione; Marrone; Golemic; Molina; Benali; Barberis Crociata; Mazzotta; Messias; Simy

Panchina: Festa; Figliuzzi; Rutten; Bellodi; Spolli; Curado; Gomelt; Mustacchio; Lopez; Nalini; Ruggiero

Allenatore: Giovanni Stroppa

Arbitro: Sig. Abbattista di Molfetta

Assistenti: Sig. Macaddino di Pesaro; Sig. Cangiano di Napoli

IV Uomo: Sig. Di Martino di Giulianova

Marcatori: Messias (CRO)

Sostituzioni: Sciaudone per Kanouté (COS); Mustachio per Mazzotta (CRO); Asencio per Leggittimo (COS); Maxi Lopez per Simy (CRO); Benali per Gomelt (CRO); Carretta per Broh (COS).

Ammoniti: Leggittimo (COS; Barberis (CRO); Marrone (CRO);

Espulsi:

Recupero: 0’ pt; 5’ st.

Pubblicità