Genesi, arresti confermati per il giudice Petrini e sei indagati

magistrato-corruzione-petrini
Pubblicità

Corruzione in atti giudiziari in alcuni casi aggravati dall’associazione mafiosa, questi i reati contestati, a vario titolo, dagli inquirenti per sette indagati nell’inchiesta Genesi per i quali è stata rigettata la richiesta di scarcerazione.

Il Giudice delle indagini preliminari, dopo gli interrogatori di garanzia, ha infatti rigettato le istanze di scarcerazione delle misure cautelari (sei in carcere e l’avvocatessa Tassone ai domiciliari) per il giudice della Corte d’Appello Marco Petrini, l’avvocato Francesco Saraco, 40 anni, l’ex consigliere regionale Giuseppe Tursi Prato, Giuseppe Caligiuri, 49 anni, di Cariati; Vincenzo Arcuri; Luigi Falzetta, 53 anni, l’avvocato Maria Tassone detta Marzia, 33 anni, di Catanzaro.

 

Pubblicità