Calcio serie B: ottima prestazione del Cosenza, ma non basta

pescara-cosenza-calcio-serie b-partita
Pubblicità

Pescara – Cosenza 2-1

Pescara subito forte, alla ricerca del gol fin dai primi minuti. Ci provano i padroni di casa con un lungo fraseggio a centrocampo terminato con la verticalizzazione di Palmiero per Zappa, troppo lunga per il giocatore biancoazzurro. Si accende all’improvviso il Cosenza, grazie ad un’imbucata intuitiva per Riviére che anticipa di poco il tiro sprecando una buona occasione per siglare il vantaggio rossoblu.

Dopo un avvio di gara difficile, gli ospiti trovano il giusto ritmo per contrastare il gioco espresso dal Pescara, riuscendo ad alzare il proprio baricentro, grazie al fondamentale lavoro della coppia Sciaudone-Casasola sulla fascia destra, rendendo difficili le marcature del Pescara. Ancora un’accelerazione improvvisa del Cosenza mette in difficoltà gli ospiti, lasciando spazio all’imbucata perfetta di Kanouté per Casasola che serve D’Orazio al centro dell’area, ma Fiorillo riesce a bloccare la palla sulla linea. Un’altra occasione importante per i Calabresi, che provano a spingere sulle fasce con verticalizzazioni veloci ed improvvise. Ci prova di nuovo la formazione calabrese con Riviére che, a tu per tu con l’estremo difensore del Pescara, si ferma poco prima della conclusione toccandosi la gamba.

Problemi per l’attaccante francese del Cosenza costretto ad uscire dal campo, lasciando il posto a Pierini. Pescara in dieci a pochi secondi dalla fine della prima frazione di gara, in pieno recupero. Palmiero atterra, l’ex compagno di squadra, Sciaudone, rimediando il secondo giallo. Punizione dal limite battuta da Pierini che scheggia la traversa poco prima del fischio dell’arbitro per la fine del primo tempo.

Cosenza che continua, anche in apertura di secondo tempo, a spingere sulle fasce, in particolare con Casasola, che riesce a mettere in continua difficoltà la difesa del Pescara. Proprio dalla fascia del neoacquisto dei rossoblu arriva il gol dei calabresi sugli sviluppi di un calcio d’angolo, trasformato da Asencio, su cross di Prezioso, realizzando il secondo gol in rossoblu.

Partita che si complica per i calabresi, dopo un errore d’impostazione di Kanouté che costringe ad un recupero scomposto Sciaudone, espulso dal direttore di gara. Il Cosenza, però, continua a spingere e ci prova con D’Orazio che serve Asencio, dopo una falcata lungo la fascia, ma l’attaccante rossoblu non riesce a siglare il gol del raddoppio. Ne approfitta allora il Pescara, che riesce a riacciuffare il risultato con Zappa, dopo l’errore di marcatura di Idda. Squadre molto lunghe nell’ultimo quarto d’ora di gioco; entrambe le squadre hanno speso molto nel corso del match, e la stanchezza comincia a farsi sentire.

Succede di tutto nei minuti di recupero. Errore di Pierini che favorisce la ripartenza dei padroni di casa, bravi a guadagnare un calcio di rigore importantissimo. Perina salva il risultato e mantiene vivo il Cosenza, che, in ripartenza, vede sfumare il possibile vantaggio con Lazaar che serve Asencio, ma la sua deviazione trova il palo a negare la gioia del 1-2. In pieno recupero il Pescara riesce a trovare il vantaggio con Bočić. Ottima prestazione quella dei rossoblu, ma non basta a portare a casa i tre punti. Un Cosenza che gioca bene ma non può niente contro la sfortuna.


Pescara: Fiorillo; Zappa; Druidi; Melegoni; Scognamiglio; Memushaj; Palmiero; Del Grosso; Galano; Maniero; Bettella.

Panchina: Alastra; Marafini; Elizalde; Masciangelo; Clemenza; Crecco; Kastanos; Bruno; Bočić; Borrelli; Pavone

Allenatore: Nicola Legrottaglie

Cosenza: Perina; Idda; Monaco; Capela; Casasola; D’Orazio; Kanouté; Prezioso; Sciaudone; Asencio; Riviére.

Panchina: Saracco; Lazaar; Schiavi; Corsi; Bittante; Broh; Carretta; Bahalouli; Baez; Pierini

Allenatore: Piero Braglia

Arbitro: Sig. Rapuano di Rimini

Assistenti: Sig. Mokhtar di Lecco; Sig. Tardino di Milano

IV Uomo: Sig. Dionisi di L’Aquila

Marcatori: Asencio (COS); Zappa (PES); Bočić (COS).

Sostituzioni: Pierini per Riviére (COS); Crecco per Melegoni (PES); kastanos per Del Grosso (PES); Lazaar per D’Orazio (COS); Broh per Prezioso (COS); Bočić per Maniero (PES).

Ammoniti: Kanouté (COS); Druidi (PES); Scognamiglio (PES); Palmiero (PES); Prezioso (COS); Perina (COS)

Espulsi: Palmiero (PES); Sciaudone (COS); Kanouté (COS).

Recupero: 3’ pt; 6’ st.

Pubblicità