Sab 30 Mag 2020
Advertising
Home Costume & Società Ambiente Il Canale degli Stombi, il grande...

Il Canale degli Stombi, il grande bluff. Ed intanto i Laghi di Sibari muoiono

- Advertisement -

Breve triste storia!

C’era una volta, tanto tempo fa, la “Piccola Venezia del Sud”. I Laghi di Sibari erano conosciuti ai più con questo nome. Da allora ne è passata di acqua nelle darsene…fino a quando si è bloccata e da quel giorno, quello splendido luogo, è caduto a picco. Un gran numero di coloro i quali avevano acquistato le splendide ed originali abitazioni dalle due uscite, sul porto e sulla strada, sono scappati via, abbandonando la zona a gambe levate. Non era rimasto più nulla di quella location che in passato riusciva ad offrire ai residenti tutto: dalle attività commerciali, ai centri sportivi, dalle discoteche ai piano bar, dai ristoranti agli alberghi. I Laghi di Sibari erano il vero e proprio centro della movida notturna dello Jonio cosentino.

La Piccola Venezia del Sud era una zona suggestiva sia di giorno che di sera, poiché lo scenario era fantastico, illuminato e sempre circondato da barche o lussuosi yacht.
C’erano vari ristoranti dove si poteva gustare una cena caratteristica e raffinata, a seconda delle preferenze, vari pub, enoteche e gelaterie artigianali.
La passeggiata era piacevole ed anche adatta allo shopping, vista la varietà di negozi che offriva il centro commerciale. Alla fine della Notte era tradizione concludere il By Night con Cornetto e cappuccino in uno dei tanti bar aperti! E adesso? Nulla di tutto ciò, solo una landa desolata. E’ riuscito a sopravvivere alla devastazione solo un albergo ristorante, l’Oleandro, dove si può gustare un’ottima cucina a base di pesce o di carne e dopo cena, bere un drink anche presso l’annesso Disco Piano Bar. Un’attività commerciale, aperta tutto l’anno, che continua a reggere l’urto della catastrofe solo grazie alla tenacia dei titolari, che nonostante tutto rimangono ancorati ai ricordi dei bei tempi, sperando, forse, in un risveglio.

Durante la bella stagione, i Laghi di Sibari, possono vantare addirittura un secondo bar-ristorante-pizzeria, l’Anto’s, dove poter gustare pizze, panini, gelati, cornetti… Un vero lusso per una zona desertica.

Ma di chi è la colpa della morte lenta ed inesorabile di uno posti più belli d’Italia? Molte le ipotesi che si rincorrono: da una parte la cattiva gestione dell’ex amministrazione dell’Associazione Laghi di Sibari, dall’altra l’indifferenza delle istituzioni e dei preposti per la inibizione alla navigabilità del Canale dello Stombi, sempre al centro di polemiche. Il dato certo rimane uno solo: nonostante tanti proclami poco o nulla è stato fatto per l’ex perla dello Jonio cosentino, vittima solo di una ingiustizia passiva.