Mar 2 Giu 2020
Advertising
Home Costume & Società Numeri da record per la mostra...

Numeri da record per la mostra sull’Odissea

- Advertisement -

La mostra “Odissea: un viaggio di Omero tra Calabria e Sicilia” chiude i battenti all’ex Stac di Catanzaro con numeri da record: sono oltre 15mila gli studenti che hanno visitato l’esposizione che ha ripercorso le orme di Ulisse nell’istmo di Catanzaro, lì dove sorgeva la Terra dei Feaci. Gruppi di ragazzi provenienti da tutta la Calabria hanno scoperto con entusiasmo il ricco itinerario storico ed artistico promosso dalla Rete Museale Regionale, con la direzione di Sergio Basile, che ha contribuito ad animare e valorizzare il centro storico per quasi due mesi. Solo negli ultimi due giorni di allestimento sono stati circa un migliaio gli studenti arrivati a Catanzaro anche da istituti di Reggio Calabria, Sibari, Africo e Mormanno.

Il progetto concepito in forma itinerante, dopo il successo riscosso nella città Capoluogo, farà tappa anche all’Istituto comprensivo di Sersale e al castello di Scilla prima di approdare in estate al Museo diocesano di Tropea. Il viaggio epico dell’Odissea è, infatti, una delle proposte di maggiore interesse selezionate dal Comitato  per la redazione del dossier per la prestigiosa candidatura, unica in Calabria, di Tropea quale Capitale italiana della cultura 2021. La proposta di Basile ha infatti incassato l’ok da parte dell’amministrazione e degli altri enti coinvolti nella “perla del Tirreno” che concorrerà all’assegnazione del titolo istituito dal ministero dei Beni culturali. Nell’occasione l’esposizione sarà arricchita anche dall’imponente riproduzione della triere, l’antica nave di Ulisse, da circa quindici nuove opere tra sculture e dipinti e dall’allestimento dedicato alle macchine di Leonardo, già presentato lo scorso anno dalla Rete museale regionale.
“Le migliaia di visite registrate a Catanzaro – sottolinea Basile – hanno confermato il grande interesse didattico e scientifico della mostra che vuole contribuire a riportare alla luce le origini nobili e autentiche delle nostre comunità. Voglio ringraziare il Comune di Catanzaro per aver sostenuto l’allestimento insieme alla Camera di Commercio, agli istituti scolastici coinvolti e a numerosi partner privati. Tra storia e leggenda, il viaggio di Ulisse può rappresentare un’attrattiva importante dal punto di vista culturale e, allo stesso tempo, un’opportunità di indotto economico e turistico per l’intero territorio regionale”.