Coronavirus, caso sospetto all’aeroporto di Lamezia Terme

termoscanner-aeroporto-lamezia-terme-coronavirus
Pubblicità

Sospetto caso di Coronavirus all’aeroporto calabrese di Lamezia Terme. Ieri sera, una passeggera proveniente dal nord Italia, risultata positiva ai controlli è stata trasferita dallo scalo aeroportuale all’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro. La donna che presentava una temperatura più alta della media è stata ricoverata all’unità operativa di Malattie Infettive del nosocomio catanzarese.

Nello scalo internazionale di Lamezia Terme sono attivi, a partire dal 5 febbraio, i controlli della temperatura corporea per tutti i passeggeri di voli internazionali in arrivo. Si tratta di una misura preventiva decisa al Tavolo del Comitato operativo nazionale, convocato a seguito dello stato di emergenza nazionale dichiarato dal Consiglio dei Ministri il 31 gennaio 2020, a cui prende parte costantemente, in rappresentanza della Regione Calabria, la U. O. A. Protezione civile ed il Dipartimento Salute ed il Comitato regionale della Croce Rossa quale struttura operativa del Sistema di protezione civile. Il coordinamento dei controlli è affidato all’Usmaf (Ufficio sanitario marittimo aereo e di frontiera). In Calabria gli operatori dell’Usmaf sono affiancati dai volontari di protezione civile della Croce Rossa.

E’ il primo caso sospetto.

Pubblicità