Coronavirus: scuola chiusa in Calabria perché docente torna da Lodi

test-coronavirus-calabria
Pubblicità

Docente calabrese che si sarebbe recato nel Lodigiano proprio nei giorni scorsi, tornato a scuola incautamente ieri per far lezione con i suoi alunni, fa scattare l’emergenza e la chiusura della scuola a partire da questa mattina.

È successo a Villa San Giovanni, la città dello Stretto di Messina sede dei servizi di collegamento con la Sicilia, dove il sindaco Maria Grazia Rechichi ha mandato la polizia municipale a scuola per consegnare l’ordinanza comunale con cui ha ordinato l’immediata chiusura dell’Istituto alberghiero Ipalbtur.

I fatti. “La direzione scolastica – fa sapere il sindaco nell’ordinanza – ha  comunicato formalmente con nota protocollo numero 2511 che nel plesso scolastico ha prestato servizio in data odierna un docente che nei giorni 19 e 20 febbraio 2020 si era recato in Sant’Angelo Lodigiano rientrante nel territorio di uno dei maggiori focolai di contagio” per il quale l’Oms ha dichiarato l’epidemia Coronavirus “un’emergenza di salute pubblica internazionale”. Appare necessario, si legge nell’ordinanza, “al fine di tutelare l’igiene e la salute pubblica, disporre in via cautelativa la chiusura dell’Istituto in attesa dell’esito degli accertamenti sanitari sul predetto docente” e “conseguentemente necessario sospendere le attività didattiche per il giorno 25 e 26 febbraio 2020” ritenendo “sussistere pertanto i presupposti per l’adozione di una ordinanza di carattere contingibile e urgente” visto il testo unico degli enti locali n. 267 del 2000 articolo 50 comma 5, relativo alle competenze e al potere del sindaco quale autorità locale in materia sanitaria”.

Il sindaco ha inoltre disposto la notifica di copia dell’ordinanza alla dirigente scolastica dell’Istituto scolastico con invito a comunicare ai docenti, al personale Ata e agli studenti delle classi che sono entrate in contatto con il loro docente “a rimanere precauzionalmente in isolamento fino a quando non saranno resi noti gli accertamenti sanitari sul già citato docente” e ha trasmesso copia dell’ordinanza alla prefettura di Reggio Calabria, all’ex provveditorato agli studi di Reggio Calabria, al Commissariato di Pubblica sicurezza, alla stazione dei Carabinieri, alla Tenenza della Guardia di finanza di Villa San Giovanni”.

da OrizzonteScuola.it

Pubblicità