Sab 6 Giu 2020
Advertising
Home Sport Calcio Reggina, Catanzaro, Vibonese, Rende: un'unica squadra...

Reggina, Catanzaro, Vibonese, Rende: un’unica squadra a sostegno della Calabria

- Advertisement -

Al via la lodevole iniziativa “FACCIAMO SQUADRA PER LA PIÙ IMPORTANTE DELLE PARTITE”. Scendono in un solo campo, quello della solidarietà, le squadre professionistiche di serie C calabresi cercando di coinvolgere i  tifosi per sostenere una raccolta fonti a sostegno delle migliaia di famiglie calabresi in un momento di grave crisi economica e sanitaria dovuta all’espandersi della terribile pandemia del Covid-19.

Reggina 1914, U.S. Catanzaro Calcio 1929, U.S. Vibonese 1928 e Rende Calcio 1968 tutti con lo stesso scopo: scendere in campo questa volta a supporto del territorio

Il perdurare dell’epidemia con il conseguente blocco di interi settori produttivi e l’impossibilità di trovare quelle occasioni di lavoro giornaliere che consentivano ad alcuni cittadini di procurarsi un reddito rappresenta oggi un grave disagio sociale.

Il calcio calabrese scende in campo, questa volta a supporto del territorio.

Si tratta di una prima necessaria iniziativa per consentire a migliaia di famiglie calabresi, ormai esasperate, di far fronte almeno alle immediate esigenze alimentari.

Mentre il calcio si ferma il calcio calabrese vuole scendere ugualmente in  campo con un’iniziativa di solidarietà  “il biglietto solidale” volta a promuovere attraverso i propri tifosi una raccolta fondi a sostegno delle migliaia di famiglie calabresi in un momento di grave crisi economica e sanitaria dovuta all’espandersi della pandemia Coronavirus. Questa l’idea, per cercare di ovviare al meglio alle esigenze dei concittadini calabresi in piena emergenza Covid-19, con la volontà di accogliere già nell’immediato la disponibilità  a contribuire economicamente in aiuto delle fasce deboli della popolazione calabrese.

Bisogna scendere in campo tutti insieme, ma soprattutto in questo momento occorre sostenere la solidarietà. Il calcio si rende utile per sconfiggere questo ostico avversario, con l’auspicio che presto tutti potremo tornare ad abbracciarci per festeggiare dentro e fuori dal campo.