Lun 6 Dic 2021
spot_img
HomeAttualitàSalute&BenessereLe Terme Luigiane riaprono, ma non...

Le Terme Luigiane riaprono, ma non tutte le cure saranno accessibili

Hanno riaperto lunedì i battenti delle Terme Luigiane per la stagione 2020 con tutte le garanzie di sicurezza e tutela della salute dei curanti di fronte al pericolo del Covid-19 che anche in Calabria permane con delle manifestazioni  giornaliere in fase alterna tra lo zero e piccolissime entità numeriche ad una sola cifra decimale.

Sicurezza e qualità dei servizi è la scelta dell’azienda Sateca per la funzionalità delle Terme nello scorcio di questa seconda parte dell’anno. Si accede anzitutto tramite una prenotazione telefonica al numero 0982/635300 per le visite mediche  che vengono effettuate presso l’ufficio accettazione unitamente alla pratica di assegnazione delle cure, prima di accedere allo stabilimento “ThermaeNovae”, dove lo staff preposto garantisce tutta l’assistenza dovuta per i servizi, rigorosamente adeguati alle normative vigenti di sicurezza e tutela della salute degli ospiti, in ottemperanza alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e alle normative italiane previste dagli organi competenti. 

In questi primi tre giorni di apertura delle Terme Luigiane sono state accettate oltre 500 istanze mediche  per un totale di diecimila cure.

Tutto procede, quindi, in piena tranquillità e serenità senza le consuete file ed affollamento. Per quest’anno NON saranno effettuate le seguenti cure: inalazioni con getto di vapore, humage, nebulizzazioni; mentre sarà messa a disposizione la ventilazione polmonare indicata nelle broncopatie croniche.

Consiste in insufflazioni di acqua sulfurea, micro nebulizzata mediante un respiratore meccanico che ne favorisce l’afflusso durante la fase di inspirazione e riduce a meno di quattro secondi la fase di espirazione. Con questa tecnica l’acqua sulfurea giunge fin nelle più piccole vie bronchiali, difficilmente raggiungibili.

 

Per i pazienti vi è l’obbligo, prima dell’accesso al luogo di cura, di compilare e firmare un’autocertificazione che attesta di non essere stati sottoposti alla misura della quarantena e di non avere allo stato attuale presenza di sintomi di allarme.   Rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro, l’uso obbligatorio delle mascherine, sia per clienti che per i dipendenti,  il lavaggio delle mani con il gel disinfettante che si trova a disposizione qua e là nelle varie sale, sono le regole che vanno rispettate da parte di tutti. 

 

Anche per il Parco Termale “Acquaviva”  ci sono delle disposizioni di sicurezza con il contingentamento degli ingressi e la permanenza nelle piscine, sia termali che di acqua dolce, che  sarà temporizzata per permettere a tutti di godere dell’idromassaggio terapeutico con getti d’acqua a pressione, ma sempre garantendo il mantenimento del distanziamento tra le persone.

 

Per informazioni più dettagliate  si consiglia pure di visionare il sito: www.termeluigiane.it