Home Politica Rende, "l'assessore Castiglione non ha rassegnato...

Rende, “l’assessore Castiglione non ha rassegnato le dimissioni”

Continua il dibattito politico a Rende.

Dopo le dimissioni dell’assessore Pierpaolo Iantorno ed in attesa del rimpasto di Giunta atteso per le prossime ore, esce allo scoperto Amerigo Castiglione, responsabile organizzativo Lista Arintha, che precisa quanto segue:

“In qualità di responsabile organizzativo della lista Arintha, che ha partecipato alle scorse elezioni comunali a sostegno del sindaco Manna, sento il dovere di chiarire formalmente e pubblicamente le notizie che circolano sui social e sui giornali, a beneficio dei cittadini-elettori, circa le dimissioni dell’assessore alla Pubblica Istruzione Marinella Castiglione espressione diretta della lista in quanto più votata. L’Assessore non ha rassegnato alcuna dimissione ma al momento è in corso “una verifica politica di maggioranza per effettuare un cambio di passo” per dirla con le stesse parole usate dal sindaco pro tempore Manna nel corso di una riunione avuta con il sottoscritto nella scorsa settimana”, scrive in una nota stampa.

“Il sindaco ha sottolineato che non si trattava di una verifica di capacità e risultati amministrativi sia dell’assessore Castiglione che dell’assessore Iantorno nei rispettivi assessorati, del resto riconosciuti ampiamente sul campo, ma che era necessaria una verifica per rinforzare gli equilibri all’interno della maggioranza.

Per questo motivo ho chiesto di convocare “ad horas” la riunione, non politica perché termine decisamente inappropriato trattandosi di liste che dovrebbero essere esclusivamente civiche, per effettuare una verifica complessiva anche di eventuale azzeramento della giunta che avrebbe portato sicuramente ad un nuovo assetto condiviso da tutte le componenti che lo hanno sostenuto fin dall’inizio della campagna elettorale”, le sue parole.

Nel frattempo stanno circolando dei nomi: De Rango, Totera e Provenzano che, per quanto “mi riguarda, hanno pienamente diritto di sedersi in giunta visto che nelle rispettive liste sono i più votati dopo gli assessori già usciti e qualcuno come Fabrizio Totera avrebbe già dovuto esserci in ossequio al criterio numerico utilizzato per la composizione della prima giunta  e di quella che dovrà formarsi.

Chiariti questi aspetti, per la trasparenza che  mi ha sempre contraddistinto in qualsiasi ruolo pubblico che ho ricoperto, resto in attesa della riunione concordata con il sindaco senza pregiudiziali di poltrona o di tutela parentale. Tanto dovevo all’opinione pubblica”, scrive Amerigo Castiglione