Home Attualità Cosenza, d’Ippolito propone screening covid gratuito...

Cosenza, d’Ippolito propone screening covid gratuito per tutti i cittadini

Diverse sono le iniziative che l’amministrazione comunale sta mettendo in piedi in questo tempo di contagio. Il consigliere comunale di Palazzo dei Bruzi Giuseppe d’Ippolito, capogruppo di “Fratelli d’Italia”, evidenzia come sia anche necessario attuare una serie di scelte operative e attente alle necessità dei cosentini.

A tal proposito il consigliere d’Ippolito ha dichiarato: “Dobbiamo fare in modo che la situazione di crisi venga messa quanto prima sotto controllo, sarebbe opportuno destinare somme dirette di bilancio per iniziare un vero e proprio tracciamento al fine di aver contezza dei cittadini sia asintomatici che dei pauci sintomatici, così da limitare le fonti di contagio e, soprattutto, intervenire tempestivamente per fornire le cure e i supporti necessari, onde evitare l’aggravarsi delle condizioni cliniche di coloro che si ammalano, vista anche la criticità delle nostre terapie intensive, peraltro già sature”.


Inoltre il consigliere ritiene che “in attesa che il Governo e la Regione facciano la loro parte, vi sia l’obbligo di intervenire, contemplando l’opportunità di avviare uno screening immediato di tutta la popolazione residente in città, così individuando le persone che manifestano l’urgenza di un intervento sanitario e garantendo loro l’esenzione da ogni pagamento, o quanto meno fissando un prezzo calmierato dello screening. Nel contempo, è necessario attivarsi immediatamente per garantire la possibilità di offrire uno spazio destinato ad accogliere quei pazienti che, per le più diverse ragioni, non hanno bisogno di cure ospedaliere, come per esempio i numerosi alberghi che da diversi mesi sono rimasti pressoché vuoti.


È evidente che intervenire in questa fase, in cui il sistema sanitario è al collasso, significa dare un reale contributo affinché si possa fermare la crescita dell’ormai arcinoto indice RT e far sì che si possa gradualmente riacquisire una normale quotidianità”.