Home Politica Consiglio regionale, convocata commissione anti-ndrangheta

Consiglio regionale, convocata commissione anti-ndrangheta

La Commissione anti-‘ndrangheta del Consiglio regionale calabrese è stata convocata per giovedì 10 dicembre alle ore 12. Lo rende noto il presidente della stessa Commissione, Antonio De Caprio.

“Al di là delle vicende giudiziarie che hanno interessato anche figure istituzionali – afferma De Caprio – la politica ha il dovere di guardarsi allo specchio e chiedersi se è stato fatto tutto quanto possibile e in proprio potere per allontanare ogni forma di condizionamento della criminalità organizzata”.

Sono due i punti all’ordine del giorno della seduta di giovedì della Commissione anti-ndrangheta del Consiglio regionale, che vedrà l’audizione del dirigente del settore Legalità e sicurezza: il primo è “lo stato di attuazione, nonché le criticità incontrate presso i vari Dipartimenti della Regione Calabria, nell’applicazione della legge regionale 9/2018 (il cosiddetto testo unico regionale contro la ‘ndrangheta)” e il secondo è “l’attività espletata dai Dipartimenti a seguito dell’introduzione della legge regionale  9/2018, nonché per la corretta applicazione del Codice calabrese del buon governo”.

De Caprio osserva: “Non possiamo non ricordare il travagliato iter, durato anni, che ha portato all’approvazione della legge regionale 9/2018, e che ha visto anche dure contrapposizioni all’interno dell’allora maggioranza di governo regionale guidata da Mario Oliverio. Numerose furono le denunce pubbliche proprio sulla (mancata) attuazione della legge. Oggi, a fronte di una situazione non certo migliorata da questo punto di vista, non possiamo tergiversare. È necessario – conclude il presidente della Commissione regionale anti-‘ndrangheta – un cambio di passo rispetto al passato nel modo di fare politica fuori e dentro le istituzioni, ed aspetti fondamentali come la legalità non verranno più lasciati correre come acqua sotto i ponti”.