Home Attualità Scuola, Spirlì fomenta i genitori: “Contagiati...

Scuola, Spirlì fomenta i genitori: “Contagiati oltre 4mila giovani fino a 18 anni”

Dall’inizio della pandemia a ieri, 17 gennaio, si sono contagiate in Calabria 29.073 persone. “Di queste 4.213 sono nella classe di età 0-18. La popolazione scolastica è di 328.473. Questi, i dati ufficiali a oggi, su richiesta di molti genitori (mamme e papà)”.

Così sulla propria pagina Facebook il presidente facente funzioni della Regione Nino Spirlì.

In un altro post Spirlì chiede “mi segnalate, per favore, con reali prove, le scuole dove i vostri ragazzi sono costretti a stare in aula con cappotti, giubbotti, giacconi…???”. Chiaro quindi l’intento di portare avanti la battaglia a favore della sospensione della didattica in presenza, utilizzando in questo caso i dati che rilevano che circa il 14% dei contagi, in Calabria, è avvenuto tra i giovanissimi.

Proprio nella giornata di ieri, Spirlì aveva dichiarato che “hanno perso e stanno perdendo i bambini, perché alla fine stiamo vedendo sindaci costretti a chiudere le scuole. Nella città in cui abitano la maggior parte dei firmatari del ricorso al Tar dei genitori che hanno fato ricorso al Tar molte scuole hanno chiuso succede che proprio i loro figli sono al sicuro a differenza di altri. È brutta questa cosa, non mi piace, si deve essere tutti uguali”.

“Se avessimo bloccato per una settimana ancora le scuole elementari e medie – ha affermato  avremmo potuto controllare e contare i contagi e prenderci il tempo di capire quale sarebbe stata la didattica giusta per i nostri ragazzi. Ci bastava una settimana, ma non ci hanno concesso neanche 24 ore, hanno voluto far vedere a quanto si poteva arrivare con una certa arroganza e mi dispiace che è stata colta in maniera quasi sorda”.